Verso Reggina-Juve Stabia: Amaranto per rialzare la testa, le Vespe per la settima sinfonia

Nell'immagine l'attaccante della Reggina Sandomenico e il centrocampista della Juve Stabia Mastalli

Si disputerà domani allo stadio comunale di Vibo Valentia il match tra Reggina e Juve Stabia. Squadre diverse, ambizioni divergenti e situazione di classifica differenti. Ma entrambe le formazioni vogliono portare a casa i tre punti, si prospetta un match davvero interessante. Ecco come si presentano le due squadre alla vigilia della gara.
REGGINA. In casa Reggina la vigilia della partita contro la Juve Stabia è stata animata da un duro comunicato della società amaranto. Il patron Praticó ha comunicato l’impossibilità di continuare a fare calcio nelle situazioni in cui attualmente è ridotta la compagine amaranto. La situazione stadio in primis ha destabilizzato non poco gli animi dei tifosi amaranto, ridotti a traslocare settimanalmente a Rende o Vibo Valentia. Gran parte della tifoseria chiede ad alta voce il rimborso degli abbonamenti, mentre una -ormai piccola parte- continua a sostenere gli amaranto in ogni dove. La questione stadio dovrebbe risolversi entro la settima entrante e già i primi di novembre la Reggina potrà giocare in casa propria.I ragazzi di mister Cevoli nonostante la situazione non delle migliori hanno dato una risposta positiva e dopo la sconfitta contro il Potenza, Conson e compagni vogliono portare a casa i tre punti.
Una sfida importante che vedrà la Reggina scendere in campo con molteplici motivazioni tra cui i tre punti che dovranno essere certezza.
JUVE STABIA. La vigilia del match contro la Reggina, in casa Juve Stabia è relativamente tranquilla visto il filotto di vittorie consecutive in campionato. Le sei vittorie su sei hanno sicuramente modificato gli obiettivi societari: da una posizione playoff a un sogno promozione che ad oggi appare essere molto più di un sogno per ciò che gli uomini di Caserta stanno mostrando in campo.
L’ultima sfida al Romeo Menti contro il Monopoli ha confermato quanto questa formazione sia profonda negli uomini e quanti di essi potrebbero essere decisivi nel corso dei 90 minuti. La rimonta contro i pugliesi nel segno di Troest e Carlini è l’ennesima prova dell’esperienza mixata al talento della rosa stabiese. Anche contro la Reggina, molto probabilmente, i calciatori da tenere d’occhio saranno i soliti noti. A partire dalla difesa con Roberto Vitiello sempre più in forma e sempre più decisivo sia in fase di spinta sia in fase di contenimento. Calò e Mastalli, freschi di rinnovo contrattuale, sono in pratica l’ago della bilancia dei gialloblu, insieme a Max Carlini vero e proprio top player della squadra, capace di siglare gol importanti ma anche correre e recuperare palloni in mezzo al campo. In avanti, la lente di ingrandimento è puntata su Luigi Canotto, anche lui fresco di rinnovo, che così come chiuse la stagione scorsa ha cominciato anche questa: corsa, dribbling, velocità e gol per l’esterno gialloblu.
Giorgia Rieto, Antonio Carlino
© RIPRODUZIONE RISERVATA