Viadotto San Marco. Lavori fino a Dicembre, Scala: “L’Anas rovinerà il Natale agli Stabiesi”


Proseguiranno dalle ore 21.30 di martedì 16 ottobre gli interventi di sostituzione degli appoggi del Viadotto ‘San Marco’ situato sulla strada statale 145 “Sorrentina”, nel territorio comunale di Castellammare di Stabia, in provincia di Napoli. Nel dettaglio, i lavori verranno eseguiti – durante esclusivo orario notturno (21.30-6.30) – fino a sabato 20 ottobre 2018 (ore 6.30) con chiusura al traffico, in entrambe le direzioni, del tratto della statale 145, tra gli svincoli di Castellammare Ospedale (km 3,600) e Castellammare Villa Cimmino (km 9,600), compresa l’interdizione al transito delle rampe, in uscita ed in ingresso, dello svincolo di Gragnano al km 7,200. A partire dalle ore 21.30 di domenica 21 ottobre e fino al 21 dicembre, i lavori proseguiranno poi sia in orario notturno che in orario diurno con le seguenti modalità: nella fascia oraria notturna compresa tra le 21.30 e le 6.30 del giorno successivo, ad esclusione della notte dei sabato su domenica, sarà chiusa al traffico, in entrambi i sensi di marcia, la tratta tra gli svincoli di Castellammare Ospedale (km 3,600) e Castellammare Villa Cimmino (km 9,600), compresa l’interdizione dello svincolo di Gragnano al km 7,200; in orario diurno compreso tra le 6.30 e le 21.30, invece, verrà garantita la circolazione in entrambi i sensi di marcia tra lo svincolo di Gragnano (km 7,200) e lo svincolo di Castellammare Villa Cimmino (km 9,600), mentre la tratta di statale compresa tra lo svincolo di Castellammare Ospedale (km 3,600) e lo svincolo di Gragnano (km 7,200) resterà fruibile esclusivamente per la circolazione in direzione di Napoli ed interdetta per il traffico in direzione Sorrento, ad esclusione delle giornate di sabato e di domenica.
Lungo l’intera tratta – durante il periodo dei lavori – permane, in entrambe le direzioni, il divieto di transito per i veicoli di massa a pieno carico superiore alle 7,5 tonnellate, non adibiti a trasporto di persone.
Durante le chiusure, il traffico verrà deviato su viabilità locale e lungo la ex SS145 “Sorrentina” e la ex SS366 “Agerolina”, in corrispondenza degli svincoli della statale 145 di Castellamare Ospedale per la direzione Sorrento oppure di Castellammare Villa Cimmino per la direzione Napoli. Lungo la viabilità alternativa la circolazione sarà gestita dalle Forze di Polizia locale. La rimodulazione del calendario dei lavori di manutenzione straordinaria è stata richiesta dall’impresa esecutrice per un’organizzazione interna delle fasi di lavoro.
Anas, società del Gruppo FS Italiane, raccomanda prudenza nella guida e ricorda che l`evoluzione della situazione del traffico in tempo reale è consultabile sul sito web www.stradeanas.it oppure su tutti gli smartphone e i tablet, grazie all`applicazione “VAI” di Anas, disponibile gratuitamente in “App store” e in “Play store”. Inoltre si ricorda che il servizio clienti “Pronto Anas” è raggiungibile chiamando il numero verde gratuito, 800 841 148.
“Le palle dell’ Anas rovineranno il Natale agli Stabiesi”. A dirlo è Tonino Scala, consigliere comunale di LeU che si esprime sulla questione. “Il sindaco, la città sono stati presi in giro dall’ Anas, per più di un mese, con dei finti lavori che hanno consentito ai sindaci della Penisola sorrentina di portare a conclusione la stagione estiva – afferma – Egoismo e miopia che si riverserà su Castellammare, generando caos e inquinamento, per di più durante le feste di Natale, uno dei pochi momenti floridi per il commercio locale. Assurdo e incomprensibile. Il comunicato di oggi mette nero su bianco che da domenica 21 ottobre fino al 21 dicembre ci saranno i lavori per la sostituzione degli appoggi del Viadotto ‘San Marco’ situato sulla strada statale 145 “Sorrentina”, nel territorio comunale di Castellammare di Stabia. Non è solo una vicenda di tempistica, i lavori sono urgenti e procrastinarli, prendendo in giro l’Amministrazione Comunale di Castellammare, ha minato l’incolumità degli utenti che ogni giorno continuano a percorrere quel tratto di strada. Un atteggiamento arrogante e incomprensibile che le istituzioni non possono e non devono permettere. Per oltre un mese, con la finta chiusura a singhiozzo, solo 5 giorni, si é consentito il transito lungo quella strada per non arrecare disagi ai turisti. E Castellammare? Esistono interessi da tutelare solo per alcune città? Il buon senso avrebbe voluto una giusta mediazione e invece si è preferito la strada della salvaguardia del campanile arrecando un danno enorme alla nostra città. Il sindaco e l’ assessore alla viabilità si facciano sentire affinché non cada tutto nel dimenticatoio. Questa arroganza, mista a miopia, non si può riversare sul commercio e sulla salute dei cittadini stabiesi. Inaccettabile la complicità dell’ Anas che scarica sulla ditta affermando che “la rimodulazione del calendario dei lavori di manutenzione straordinaria è stata richiesta dall’impresa esecutrice per propria organizzazione interna”. Una scusa banale e puerile, in quanto non si tratta di semplici lavori straordinari. La vicenda è più complessa e avrà ripercussioni che i vertici dell’Anas ben conoscono. Castellammare è stanca di esser considerata Cenerentola, il primo cittadino, alzi la voce e si faccia rispettare”.