Chapecoense, due anni fa il tragico volo che spezzò la vita di 71 persone

Due anni fa un terribile incidente aereo spezzò la vita ai 71 passeggeri del volo diretto a Madellin. A bordo vi era la squadra della Chapecoense, compagine del campionato brasiliano che stava per avverare il suo sogno, giocare la semifinale d’andata della Copa Sudamericana contro l’Atletico Nacional. Il sogno si spezzò proprio a pochi km da Madellin, quando l’aereo precipitò lungo le montagne del Cerro Gordo. La causa dell’incidente venne ricollegata ad una mancanza di carburante. Solo 6 furono i sopravvissuti, 71 le vittime.

Oggi sono passati esattamente due anni da quel terribile giorno, tutto il mondo ha conosciuto ed amato la Chapecoense nei mesi successivi alla tragedia. Tante le partite giocate in memoria delle vittime, da Barcellona a Torino, dove la squadra granata ha voluto abbracciare in un gemellaggio la compagine brasiliana, un abbraccio di solidarietà perchè nessuno meglio del Torino in quei giorni ha potuto capire il significato di una tragedia così immane.

Ruschel,Follmann e Neto sono i tre fortunati calciatori superstiti della tragedia. Toccanti le parole del primo che hanno fatto il giro del mondo :-“Ho pochi ricordi di quella serata. So che mi sono risvegliato in ospedale e la prima cosa che ho chiesto sono state le condizioni dei miei compagni. Quando mi hanno detto cos’era successo, mi sono imposto di tornare prima o poi su un campo da calcio. Lo devo a Dio, ma soprattutto lo devo a chi non c’è più..”

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità