Juve Stabia, l’esame di maturità si chiama Rieti: guai a sottovalutare i laziali

Dopo la vittoria roboante contro la Viterbese, la Juve Stabia scenderà in campo sabato pomeriggio alle ore 14.30 contro un’altra laziale, il Rieti. La partita sulla carta dovrebbe essere nettamente favorevole ai gialloblu poiché la classifica parla chiaro: campani primi e imbattuti, laziali in fondo alla classifica con tante difficoltà e tantissimi gol subiti nelle ultime giornate. Una partita quasi scontata ma che se sottovalutata potrebbe riservare qualche brutta sorpresa ai primi della classe e fermarsi adesso dopo questi tre mesi di lavoro perfetto sarebbe deleterio e potrebbe portare con sè scorie anche durante le altre partite. Fabio Caserta lo sa e nel post partita di martedì al Menti ha lasciato intendere che nella sua testa e dei suoi calciatori subito dopo il 4-0 alla Viterbese ci sarebbe stato il Rieti. Giusto così, una squadra diventa matura attreverso queste partite e non con il Trapani o il Catania di turno.
Dunque, dopo 11 partite su 11 senza sconfitte, la Juve Stabia si troverà di fronte per la prima volta in stagione a un bivio: vincere per continuare a volare prima in classifica o perdere dei punti contro una neopromossa. I campionati, dalla serie A alla terza categoria si vincono in queste partite, dove conta più la testa che la qualità, dove contano più i nervi che le belle giocate o i gol all’incrocio dei pali. L’esame di maturità per le Vespe si chiama Rieti e tornare a Castellammare con altri tre punti sarebbe fondamentale per il prosieguo del campionato e metterebbe ancora più pressione alle squadre che avrebbero dovuto “ammazzare” il campionato a partire dalla prima giornata e invece si ritrovano a guardare dal basso verso l’alto la terribile armata gialloblu.