La Juve non accelera mai ma vince anche stasera: Ronaldo-Mandzukic condannano il Milan

La Juventus vince anche a San Siro contro il Milan per 2-0 grazie a un gol di Mandzukic e Ronaldo, uno per tempo. Ma il match è stato ricco di emozioni soprattutto per la presenza in campo di Higuain, applaudito dai suoi ex tifosi. Proprio il Pipita, però, è stato protagonista in negativo in modo assoluto: a fine primo tempo sbaglia un rigore e nella ripresa viene espulso per le reiterate proteste contro l’arbitro.
Il risultato è stato quasi mai in discussione, il Milan più di questo non poteva fare soprattutto per le tante assenze in mezzo al campo, ma l’atteggiamento della Juventus nel complesso non è stato positivissimo. Dopo la lezione di mercoledì in Champions con la rimonta subita ai danni del Manchester United, gli uomini di Allegri non chiudono anche questa volta la pratica giocando sul velluto troppo spesso. Solo nel finale Ronaldo mette il risultato in cassaforte con un tap-in facile facile. E per vincere la coppa dalle grandi orecchie ci vuole un atteggiamento sicuramente diverso, soprattutto perché l’ex Higuain avrebbe potuto pareggiarla dagli undici metri se non fosse stato per un miracolo di Szczesny che neutrilizza il suo tiro. Da sottolineare, però, che da quel rigore Benatia probabilmente avrebbe meritato il secondo giallo per il fallo di mani, ma Mazzoleni ha interpretato il tocco come non volontario. E anche in questo senso, se il centrale juventino avesse lasciato anzitempo il campo la partita non sarebbe stata così semplice.
I tre punti certamente sono fondamentali dopo la vittoria del Napoli a Genova, ma il potenziale di questa squadra va troppo oltre a queste prestazione con il freno a mano tirato, e mister Allegri sicuramente lo avrà capito e sicuramente pretenderà di più dalla sua fenomenale squadra. Il campionato è ancora lungo, il Napoli viaggia alla stessa velocità dei bianconeri e quest’ultimi non hanno proprio il tempo di fermarsi e specchiarsi.