Sequestra una ragazza in casa e la minaccia con un coltello: voleva farla spogliare per riprenderla con il cellulare

Lo ospita in casa e lui la sequestra minacciandola con un coltello per estorcerle denaro. Ucraino di 36 anni rintracciato dalla polizia finisce in carcere. L’ospitalità della donna nei confronti del connazionale in cerca di lavoro, si è trasformata in un incubo. La vittima infatti, è stata sequestrata dall’uomo per ore all’interno del proprio appartamento e poi, per evitare che chiedesse aiuto, minacciata con un affilatissimo coltello da cucina.
L’aggressore, dopo averle chiesto le coordinate dei conti correnti e i codici per prelevare denaro con le carte di credito, le ha preannunciato l’intenzione di farla spogliare per poi riprenderla con il telefonino.
La donna, con una escamotage però, lo ha convinto ad attendere la mattina successiva per avere i pin delle carte quando avrebbe potuto chiederli al suo fidanzato. Più tardi, approfittando di una distrazione dello straniero, la vittima è riuscita a fuggire dall’appartamento e a recarsi al commissariato Primavalle dove ha raccontato l’accaduto. Grazie alle immediate ricerche degli investigatori del commissariato l’uomo, che nel frattempo si era reso irreperibile, è stato rintracciato, presso lo scalo aereo di Fiumicino dove stava litigando con un tassista al quale non voleva pagare la corsa. Convalidato il fermo, l’autorità giudiziaria ha emesso nei confronti dell’ucraino un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per rapina aggravata e sequestro di persona a scopo di estorsione nonché per lesioni aggravate. La donna, che ha riportato una ferita alla mano e una contusione all’addome è stata accompagnata in ospedale per le cure necessarie.