Tutto facile per il Napoli: Hamsik e Mertens mettono ko la Stella Rossa ma la festa è rimandata

Vittoria doveva essere e vittoria è stata. Il Napoli batte senza particolari affanni la Stella Rossa ma si giocherà la qualificazione agli ottavi solo all’ultima giornata contro il Liverpool, caduto al Parco dei Principi contro il Psg.
Gli azzurri spingono forte sull’acceleratore dall’inizio della gara ed impegnano solo undici minuti per passare in vantaggio col capitano Marek Hamsik, finalmente sbloccatosi in questa stagione: su azione d’angolo lo slovacco usufruisce al meglio della spiazzata di testa di Maksimovic prima di depositare palla in fondo al sacco. I serbi provano una reazione con l’inserimento di Srnic che tenta da distanza ravvicinata, ma Ospina è bravissimo ad evitare il pareggio. Sarà però l’unico squillo della Stella Rossa perché la restante parte di frazione è tutta di marca partenopea. Tra le azioni che non possono non essere menzionate è sicuramente quella di Koulibaly, il quale prima ruba palla e rilancia l’azione, palla a Callejon che premia l’avanzata offensiva del difensore senegalese ma il colpo di testa di quest’ultimo è deviato in corner: non ci sono ormai più parole per descrivere la forza e la bravura di questo ragazzo, sicuramente nella top tre dei difensori più forti al mondo. Tornando alla gara, il raddoppio non tarda ad arrivare e a mettere il proprio nome sul tabellino marcatori è Mertens che capitalizza al meglio l’assist dalla sinistra di Fabian Ruiz e con un tocco delizioso d’esterno batte l’estremo difensore. Due minuti dopo Callejon sfiora il tris con una conclusione dalla destra murata dalla difesa. Nella ripresa il copione della gara non cambia ed il folletto belga mette in cassaforte il match dopo pochi giri di lancette mettendo ancora in mostra tutte le sue qualità tecniche, sfoggiando uno stop a seguire poco comune su passaggio in verticale di Hamsik e fulmina Borjan con un interno destro in diagonale. La Stella Rossa però, come nella prima frazione, reagisce e stavolta riesce a rendere meno amaro il passivo con Marin che mette in luce la sua qualità e serve sul filo del fuorigioco Ben ed è bravo a battere Ospina. Gli azzurri poi calano i ritmi decidendo di gestirla, compito non difficile in quanto gli ospiti non fanno nulla per riaprire la gara. Difatti l’unica chance degna di nota della Stella Rossa si materializza a cinque minuti dal termine con un tiro da fuori di Ebecilio che diventa insidioso in seguito al rimbalzo, ma Ospina, seppur con qualche difficoltà, si oppone. Termina 3-1. Il Napoli sale a quota nove in classifica ma tocnon subire più di un gol a Liverpool. Tutto ancora da scrivere quindi il destino dei partenopei.
TABELLINO:
NAPOLI (4-4-2): Ospina; Maksimovic, Koulibaly, Albiol (1′ st Hysaj), Mario Rui; Callejon (41′ st Rog), Allan, Hamsik, Ruiz; Mertens, Insigne (32′ st Zielinski). A disposizione: Milik, Diawara, Malcuit, Karnezis.
STELLA ROSSA (4-2-3-1): Borjan; Simic (32′ st Ebecilio), Babic, Degenek, Rodic; Gobeljic, Krsticic; Nabouhane, Marin, Srnic (19′ st Jovancic); Stojiljkovic (1′ st Joveljic,). A disposizione: Popovic, Pavkov, Jonathan Cafu, Somaila. Allenatore: Milojevic
ARBITRO: Gil Manzano
MARCATORI: 11′ pt Hamsik (N), 33′ pt, 7′ st Mertens (N), 12′ st Nabouhane (S)
AMMONITI: Krsticic, Jovancic, Gobeljic (S), Hysaj (N)
RECUPERO: 3’/3′