All’Olimpico un punto a testa, Roma-Inter termina 2-2

Nel match della domenica sera va in scena una delle sfide più belle degli ultimi anni della nostra Serie A, all’Olimpico c’è Roma-Inter, due squadre chiamate all’immediato riscatto dopo i rispettivi passi falsi in Champions League. Spalletti manda in campo un undici dettato dalle numerose partite ravvicinate e rilancia dal primo minuto Joao Mario. Di Francesco si presenta, invece, con una lunga lista di infortunati, fra tutti Dzeko. Partita molto intensa nei primi minuti, la prima vera occasione è a tinte giallorosse con Florenzi che colpisce un palo. È l’Inter però a passare in vantaggio con Keita, che da ex-Lazio colpisce la lupa. Joao Mario dà un pallone fantastico sul destro di D’Ambrosio, cross di prima e Keita da pochi passi fa 1-0. Termina la prima frazione, Inter in vantaggio, la Roma protesta per un fallo in area di rigore su Zaniolo, Rocchi consultatosi al Var ha giudicato tutto regolare. Al 51′ Under prende palla sul centro-destra, alza la testa e fa partire un bolide che Handanovic può solo vedere direttamente in porta, tutto di nuovo in parità. Un quarto d’ora dopo i nerazzurri trovano il nuovo vantaggio: Icardi è più veloce di tutti, da vero bomber anticipa Manolas dal calcio d’angolo di Borja Valero e di testa va in gol. Ma il nuovo vantaggio dura poco, al 74′ Kolarov dal dischetto non fallisce e con un sinistro a incrociare batte Handanovic (penalty causato da un fallo di mano di Brozovic). Si conclude così questa partita, la più bella probabilmente dell’intero turno, un pari che regala un punto a entrambe le squadre, risultato giusto per quanto si è visto in campo e con entrambe le squadre che hanno cercato di prevalere sull’altra. Un pareggio che forse può aiutare entrambe le compagini in vista delle successive partite, soprattutto dal punto di vista del morale. L’Inter si porta momentaneamente al secondo posto, aspettando il Napoli che giocherà domani.