Foggia. La presentazione di Padalino: “Il mio sogno era tornare qui”


Dopo una crisi durata 7 partite e il successivo esonero di Gianluca Grassadonia, il Foggia riparte e lo fa con Pasquale Padalino.
Dopo la nota ufficiale della società rossonera arrivata ieri pomeriggio, il nuovo allenatore foggiano, nella sua prima esperienza in Serie B, è stato presentato assieme al suo staff in conferenza stampa dal direttore sportivo Luca Nember.

“Voglio fare un ringraziamento al mister Grassadonia e al suo staff che ha accettato una sfida a luglio, nonostante la retrocessione in Serie C. Purtroppo non è andata come ci aspettavamo.
Ci siamo presi del tempo per valutare bene la scelta dell’allenatore e alla fine abbiamo deciso di affidare la squadra a Padalino. Pensiamo che sia la persona giusta e siamo convinti che ci possa dare quello che meritiamo. È un mister motivato, dal carattere forte. Lui gioca in casa ed è una sfida doppia, importante. Insieme al mister c’è il suo staff, Di Corcia, Fiore Paolo e Dibitonto Nicola.
Secondo me il mister è la persona che ci può dare una mano a trovare la strada smarrita e, a faccio a nome di tutti, gli faccio un grosso in bocca al lupo”.

Il ds rossonero ha poi passato la parola a Padalino.
“Parto subito con i ringraziamenti al ds Nember, alla famiglia Sannella e a Fares per questa opportunità che dal mio punto di vista non posso assolutamente sbagliare. Non ci rimetto solo io ma anche la squadra della mia città, non voglio deludere i miei cittadini. Ringrazio anch’io Grassadonia, quando c’è un esonero è sempre un dispiacere ma adesso si volta pagina. C’è il desiderio di ritrovare quella strada smarrita attraverso un lavoro attento con la collaborazione di tutti.
Abbiamo un solo obiettivo: scalare questa classifica per ritrovare il sorriso. Io credo che chi intraprende un percorso così a Foggia non può far altro che ambire al massimo anche se al momento la realtà ci dice che siamo terzultimi. Non era facile quattro anni fa e non lo è oggi. Lo stimolo principale lo dà la storia di questa squadra e di questa città e io spero di non sentirmi lontano da casa. Per la penalizzazione dobbiamo metterci una pietra sopra. Adesso dobbiamo pensare ad altro.
Credo che la presenza del Capitano Agnelli e di Loiacono sia fondamentale per facilitare la mia conoscenza dei calciatori che non conosco. Cristian non ha bisogno di essere elogiato da me, noi dobbiamo essere fiero di avere un Capitano come lui.
Loiacono, come ogni anno, parte sempre dalla panchina e poi si ritaglia il suo posto.
Modulo? Questa squadra ha delle certezze e avendo poco tempo a disposizione in queste ultime tre partite riavvicinate, la soluzione è quella di lasciarla così con alcuni piccoli accorgimenti e magari un po’ di serenità in più. Foggia è una città esigente e qui c’è molta pressione. Io in questo momento ai ragazzi ho chiesto disponibilità: chi gestisce meglio la pressione deve aiutare chi non riesce. È un periodo di difficoltà che va superato. Con Pavone in panchina, che ringrazio, la reazione c’è stata. Il suo modulo lo condivido. Ma adesso dare tante nozioni non sarebbe la miglior idea, potrebbe creare confusione. In questo momento è fondamentale che si guardi al collettivo. È un campionato un po’ anomalo ma noi dobbiamo adattarci velocemente e recuperare quelle posizioni che ci competono. Dobbiamo cambiare le sorti di questa squadra.
Lecce? È una parentesi che mi ha formato, al di là di quello che è stato l’epilogo.
Il mio sogno era quello di ritornare qui, ed è un qualcosa che in questo momento faccio fatica a spiegare”.

Total
0
Shares
Previous Article

Casertana, sinergia col Comune per il Pinto. D'Agostino: "Il sindaco si è mostrato subito disponibile"

Next Article

Napoli. Domani in consiglio comunale delibera per l'assunzione di 96 vigili

Related Posts