Foggia, Padalino: “Fieri della reazione. I tre davanti? Non sono soddisfatto, possono dare di più.”

Nella 19^ giornata di Serie B, il Foggia Calcio ospita l’Hellas Verona allo stadio Pino Zaccheria. Ultimo match del 2018 che i rossoneri concludono a quota 13 punti e al penultimo posto in classifica. Contro la squadra di Grosso finisce infatti 2-2: la sblocca il solito Pazzini, che al 30’ si fa poi raggiungere da Mazzeo, ma i gialloblù non mollano e nel finale del primo tempo, Lee approfitta di una presa sbagliata di Noppert e, a porta vuota, infila la palla in rete al suo primo gol stagionale, riportando il Verona in vantaggio. Il secondo tempo è scoppiettante e lo stadio Zaccheria s’infiamma: prima Iemmello segna, ma il direttore di gara annulla il gol per fallo in attacco di Mazzeo, poi, un minuto dopo, Caracciolo atterra Tonucci in area e regala un rigore al Foggia. Sul dischetto ci va lo stesso Iemmello che spreca l’importante occasione. Il pareggio sembra vicino e più volte i rossoneri sfiorano il gol, mettendo in seria difficoltà gli avversari: arriva solo al 74′ con un missile imprendibile di Gerbo che infila la palla sotto l’incrocio dei pali e pareggia i conti. Il portiere Silvestri è determinante, e nel finale salva il Verona su Galano che si presenta tutto solo in area. L’ultima occasione è ancora del Foggia con Gerbo che tenta un’altra cannonata, ma senza centrare la porta e sfiorando di pochissimo il gol della vittoria. La squadra di Grosso si porta così provvisoriamente al terzo posto della classifica con 30 punti, mentre Pasquale Padalino, intervenuto in conferenza stampa nel post partita, dopo le due sconfitte contro Salernitana e Perugia, guadagna il primo punto dal suo ritorno in panchina: “Dovremmo riuscire a miscelare i due aspetti del primo e secondo tempo: compattezza dei reparti nel primo e coraggio nel secondo per provare a fare i 3 punti. Il rigore? Capita di sbagliare, come capita a un portiere di respingere male. Dobbiamo essere fieri della reazione dopo Perugia perché i ragazzi hanno risposto con convinzione. Non potevano essere quelli di prima. Abbiamo provato a migliorare la condizione in questo poco tempo che abbiano avuto. Non sono soddisfatto dei 3 davanti, ma non perché abbiano giocato male, ma perché possono dare di più. Bisogna rivedere dei dettagli ma sono contento di tutta la squadra.
Noppert? Ha pagato la sua generosità. Ma non c’è nulla contro Bizzarri, mi serviva solo qualcuno che portasse delle novità. Il nostro era un 3-4-3 ambiguo perché Kragl andava ad alzarsi e diventavano 4 davanti. Mazzeo e Iemmello hanno fatto un lavoro di disturbo. Galano con un po’ più di convinzione in quello che fa può darci importanti soluzioni. Abbiamo visto una squadra che ha creato i presupposti per poi rammaricarci. Viceversa dobbiamo limitare gli episodi che hanno lasciato chances agli avversari. Ma aver rimontato dopo il rigore sbagliato è stato importante”
e infine sul mercato sottolineaMercato? Qualche domanda ce la siamo posta ma risposte ancora non ci sono. Un’idea ce l’abbiamo e penso sia abbastanza condivisibile”.