Spalletti: “Siamo con Koulibaly, Empoli culla del calcio in questi anni”

Dopo le incessanti polemiche scaturite post Inter-Napoli, torna a parlare mister Spalletti alla vigilia della sfida contro l’Empoli che chiuderà questo ciclo di gara natalizie e permetterà alle squadre di rifiatare durante la sosta. L’allenatore nerazzurro esprime subito il suo disappunto riguardo le ultime vicissitudini accadute: “Per quanto riguarda gli episodi di Inter-Napoli, la mia è una posizione di condanna. Dobbiamo dire stop al razzismo, basta inneggiare negli stadi a tragedie come Heysel e Superga. Dobbiamo finirla con l’odio nel calcio di tutti i tipi. Comportandosi così ci rimettono l’80% dei tifosi che vengono allo stadio per tifare in modo sano”. Riguardo la proposta del sindaco Sala di assegnare la fascia di capitano ad Asamoah: “Noi da tanto tempo abbiamo fatto capire da che parte stiamo. Lavorando quotidianamente si cambiano le cose, non con un gesto fatto ora perché abbiamo gli occhi puntati addosso”. Sull’eventuale sospensione della partita: “Può essere una soluzione, ma bisogna cercare di fare qualcos’altro. Siamo con Koulibaly e con tutti quelli che hanno subito simili episodi”. La squalifica del Meazza? “Mi dispiace tanto, ma se questo può aiutare a risolvere queste situazioni, lo accettiamo volentieri”. Su Nainggolan: “Torna convocato, probabilmente cambierà qualcosa rispetto alla partita contro il Napoli, sto valutando anche lui”. Sulla prossima partita: “Empoli è diventata la culla del calcio. Hanno grande competenza e hanno lanciato vari giovani in questi anni. Per me è un bellissimo ritorno, ci vado sempre volentieri. Giocare contro di loro sarà difficile. Conosciamo i valori della loro squadra e il mister Iachini che conosco benissimo. Dobbiamo scendere in campo con la giusta determinazione e con tutte le nostre forze, altrimenti sarà difficile come contro il Chievo”.