Vesuvio, ancora chiusa la strada che porta al cratere per rischio frane

Ercolano. E’ ancora interdetta la strada che porta al cratere del Vesuvio per lavori straordinari di messa in sicurezza del costone a quota 800. Chiuso il tratto dalla Rotonda de La Siesta e la biglietteria per le visite del cratere. Dallo scorso 25 novembre la biglietteria non è attiva i cui risultati si stanno ripercuotendo sulle attività produttive e sul turismo. Nella mattinata di ieri è stato effettuato un altro sopralluogo per comprendere lo stato di avanzamento dei lavori. Sul posto ci sono i carabinieri forestali del Reparto Biodiversità di Caserta, da 10 giorni i militari lavorano ad un’operazione di bonifica a causa del crollo massi e dei fusti degli alberi bruciati dal terribile incendio del Luglio del 2017. E’ stato prorogato il divieto di transito almeno fino a lunedì prossimo dove verrà effettuato un altro sopralluogo. La necessità di un intervento di messa in sicurezza è cominciato il 23 quando è caduto sulla strada un masso di pietra lavica con conseguente chiusura della strada e lo stop forzato alle visite. L’accesso all’area sarà consentito solo ai residenti. L’operazione di bonifica è considerata dai tecnici necessaria e fondamentale per scongiurare tragedie. Quello degli alberi e delle pietre che cadono sulla carreggiata è solo uno degli aspetti del dissesto idrogeologico, considerato a livello rischio massimo dai geologi, che preoccupa molto.