Oggi si vara il reddito di cittadinanza, previsto il carcere che chi fornisce false attestazioni

Intesa sul decretone, risolti i nodi tra Lega e M5S. Il Consiglio dei minsitri dara’ oggi il via libera al provvedimento ‘clou’ del governo gialloverde. A parlarne e’ il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in una lunga intervista a La Stampa appena tornato dall’Africa in cui affronta tutti i temi, dai programmi di governo, ai temi internazionali, alla recessione. Oggi, spiega il premier “sara’ un giorno importante: approveremo le misure piu’ qualificanti dal punto di vista politico e sociale della nostra attivita’ di governo”. In Italia e’ elevatissima la percentuale di furbetti dell’Isee”. “Questa riforma contiene contromisure adeguate. E in fase attuativa saremo molto vigili contro i furbi che pensano di poter abusare di questa misura”. “Abbiamo predisposto strumenti di controllo in modo da poter incrociare le banche dati e di permettere all’Inps e alla Guardia di Finanza di fare tutte le verifiche sulle dichiarazioni Isee. Sono fiducioso che le misure saranno efficaci per contrastare gli abusi”. “Abbiamo previsto il carcere fino a 6 anni – ha proseguito Conte – per chi fornisce dati falsi o continua a lavorare in nero. Mi sembra una pena sufficiente a scoraggiare qualsiasi furbetto”. Dovrete coinvolgere le agenzie del lavoro, i navigator, le regioni, l’Inps, riuscirete ad erogare i primi sussidi ad aprile? “Stiamo lavorando proprio per questo. E’ chiaro che e’ una road map con tempi molto stringenti e un percorso serrato, ma abbiamo gia’ iniziato a lavorare per l’attuazione del provvedimento e farci trovare pronti”. Con la Lega c’e’ stato un serio problema sui fondi per gli inabili e gli invalidi, tanto che Salvini ha minacciato di non votare il decreto. “Abbiano trovato – ha risposto il premier – un punto di convergenza su una soluzione condivisa. Chi ha un familiare disabile a carico non sara’ costretto ad accettare un lavoro che ricada in un raggio sopra i 250 km dalla propria abitazione per non perdere il sussidio e, in caso si decidesse comunque di non rinunciare alla proposta lavorativa, si avra’ diritto a un incentivo di un anno: 12 mesi di reddito di cittadinanza garantito. Poi stiamo parlando di un decreto legge, vedremo se nel corso del dibattito parlamentare ci sara’ la necessita’ di ulteriori affinamenti”.
Leggi anche: Come prendere il reddito di cittadinanza e lavorare in nero