Foggia, Padalino: “Benevento? Avversario di valore ma la classifica non conta. Vogliamo fare risultato”

Dopo il terzo pareggio consecutivo, arrivato nei minuti finali dello scontro diretto contro il Padova, il Foggia ospita allo Stadio Pino Zaccheria il Benevento di Bucchi, voglioso di alimentare la striscia di risultati positivi.
Alla vigilia del match in programma domani alle 18:00, è intervenuto in conferenza stampa l’allenatore rossonero Pasquale Padalino per presentare l’importante sfida: “La paura ti dà quel coraggio di osare, ma a volte ti può anche far regredire. A Padova, dopo un primo tempo giocato all’altezza, nel secondo ci siamo preoccupati di difendere quel risultato che ci avrebbe fatto affrontare la settimana in maniera diversa. Un episodio ci ha condizionati, e secondo me la forza di una squadra sta nel continuare ad essere se stessa. La squadra ha un po’ di rammarico ogni qual volta finisce una gara. Questo ci deve far pensare, non è positivo ma ti deve dare la spinta giusta. Bisogna cercare di fare nel secondo tempo quello che facciamo nel primo, senza concedere qualcosa all’avversario, e se capita, dobbiamo concentrarci e andare alla riconquista.
Domani una vittoria determinerebbe un preseguio di campionato più fiducioso. Questa squadra ha valori individuali e collettivi, ma la situazione di classifica ti condiziona. Squadre come il Benevento ti stimolano molto, la vittoria però è un qualcosa che deve venire a prescindere dall’avversario. Il Benevento è una squadra di valore, lo dicono i numeri e se andiamo sulla carta non c’è confronto. Questo campionato però mi ha insegnato che non conta molto la classifica, quanto il fatto di voler portare a casa un risultato. Non vince la storia, non vince il blasone, ma il desiderio, la fame e l’orgoglio. Sarà un buon test contro una squadra che ha l’ambizione di andare in Serie A.
Cerco di mettere in campo quegli interpreti che ad oggi riescono a darci quel qualcosa per arrivare alla vittoria. In ogni partita abbiamo creato i presupposti al di là di chi si è presentato davanti la porta. Forse gli attaccanti avrebbero bisogno di una spinta maggiore da parte di tutta la squadra, e sta a loro poi cercarsi gli spazi necessari.
Martinelli probabilmente non giocherà, ha avuto qualche problema muscolare, Greco ha qualche problema al ginocchio che si porta dietro da un po’, deciderò domani se farlo giocare o meno. Tonucci sta recuperando ma ancora non è nella condizione migliore.
Pubblico? Mi aspetto gente affammata. Chi vuole solo il bene di questa squadra deve far in modo di non alimentare certe voci. Questo sarebbe un grosso passo in avanti, dobbiamo andare oltre e pensare tutti ad un unico obiettivo”.