Gragnano. L’opposizione: “La maggioranza è in crisi, non c’è via di uscita”

La querelle tutta interna alla maggioranza continua ed anzi non si sblocca in maniera positiva per il bene della città, e nonostante le ultime dichiarazioni stampa meno accese rispetto alla settimana scorsa, non vediamo all’orizzonte una risoluzione positiva della crisi in maggioranza.
Già la scorsa estate, il primo cittadino dovette districarsi con evidente difficoltà tra le varie anime della sua variegata coalizione per ricomporre una crisi tutta interna alla sua maggioranza e solo dopo estenuanti trattative e mesi di stallo, riuscì a sostituire i due assessori dimissionari.
All’epoca dei fatti, ci auspicammo che la crisi si fosse risanata nell’interesse esclusivo dei cittadini ed invece dopo circa 6 mesi siamo ancora di nuovo fermi allo stesso punto di prima con gli stessi risultati fallimentari e con la stessa tensione tra i vari componenti della coalizione di governo.
Non possiamo ogni 6 mesi assistere a questi dibattiti e discussioni su eventuali rimpasti di giunta, sostituzione di assessori, riassegnazione di deleghe e allo stesso vedere come manca una visione, una programmazione, una pianificazione sul futuro della nostra città, come è stato giustamente evidenziato anche da esponenti della stessa maggioranza.
Siamo certi che l’intento dell’(ex) consigliere di maggioranza, Giulio Pepe, non sia stato volto a rivendicare poltrone o incarichi in giunta e di conseguenza ci auspichiamo non sia certo una poltrona o per l’appunto l’assegnazione di un assessorato con delega ai lavori pubblici a fargli cambiare idea in merito agli scarsi risultati raggiunti dall’attuale amministrazione di cui fa parte, nonostante altri esponenti di maggioranza si lanciano in pantagrueliche rivendicazioni su fantasmagorici obiettivi raggiunti.
Non abbiamo però ben compreso la sua ultima dichiarazione alla stampa e chiediamo dei chiarimenti: quando afferma di voler restare al suo posto, ma distaccato dal gruppo di maggioranza, intende dire che valuterà atto per atto se appoggiare o meno le decisioni della maggioranza?
In ogni caso, si aggiunge ad Antonio D’Arco, che pur accettando le presidenze delle commissioni, è sempre stato critico nei confronti dell’operato della maggioranza.
A tal proposito, chiediamo al consigliere Pepe se nelle ultime ore ha avuto delle rassicurazioni sul cambiamento di rotta da parte della maggioranza di governo, su una definizione chiara di obiettivi da raggiungere nell’immediato, e se vi è da parte del primo cittadino la volontà di effettuare un rimpasto in giunta o addirittura l’azzeramento della stessa, ossia in altre parole vorremmo sapere qualcosa in più sul futuro della nostra città.” CLICCA QUI E METTI MI PIACE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK