Napoli. Bimba vestita da prostituta a Carnevale: insorge il web

Non si placano le polemiche attorno ai discutibili costumi carnevaleschi spuntati sul web negli ultimi giorni. “Nel napoletano il Carnevale sta diventando l’occasione per alcuni genitori di vestire i propri figli in modo estremamente discutibile. Dopo il bambino travestito da ebreo deportato giustificato dalla madre come una innocente goliardata – denunciano il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il conduttore radiofonico de “La Radiazza” Gianni Simioli – a suscitare nuove polemiche è la bambina vestita da prostituta di cui i genitori hanno postato con orgoglio le foto su Instagram. Una scelta a nostro avviso non solo di pessimo gusto ma anche diseducativa. Insomma ancora un travestimento fuori luogo e di pessimo gusto sbandierato sui social. La piccola, ovviamente, non ha nessuna colpa. La responsabilità di questa vergogna è dei genitori che troppo spesso ormai mettono in ridicolo i propri figli e sambrano usarli come giocattoli perdendo ogni senso della misura e del rispetto per la loro tenera età” – chiosano i due.