Scoperto nuovo “motore” per la crescita delle ossa

È stato scoperto nei topi un nuovo “sistema” che alimenta l’allungamento delle ossa. Si tratta di un sistema che garantisce un continuo rinnovo delle cellule progenitrici del tessuto, proprio come nel sangue e nella pelle. Se la sua esistenza venisse confermata anche negli esseri umani, si potrebbero spiegare molti fenomeni e soprattutto studiare nuove terapie per i bambini affetti da disturbi legati alla crescita. Lo studio è stato realizzato in Svezia, dal gruppo internazionale coordinato dal Karolinska Institute. Ad oggi si pensava che il numero delle cellule progenitrici fosse finito, mentre la scoperta confermerebbe che le cellule possono rigenerarsi. Una scoperta che cambierebbe radicalmente lo studio di terapie e cure mediche legate alla crescita.