Una Reggina senza idee cade a Brindisi: al “Fanuzzi” finisce 1-0

Ventisettesima giornata del campionato di Serie C che vede affrontarsi Virtus Francavilla e Reggina. Una partita importante per i padroni di casa che devono tirarsi fuori dai bassi fondi della classifica, d’altro canto gli amaranto devono conquistare punti per rimanere nella zona play-off in attesa dell’ulteriore penalizzazione.

Primo tempo senza emozioni allo stadio “Fanuzzi” di Brindisi, dove entrambe le squadre preferiscono giocare nella propria metà campo, senza rischiare particolari giocate. Terreno di gioco che ha creato tanti problemi, con le corsie laterali impraticabili. Nella ripresa mister Drago prova a dare una smossa alla propria squadra, mandando in campo Franchini; pochi minuti dopo Conson conquista il secondo giallo, terminando la partita in anticipo e lasciando la propria squadra in 10 uomini. Con la superiorità numerica, i padoni di casa assumono maggiore consapevolezza, bersagliando l’area di rigore avversaria. Gli innesti di Tassi e Solini sbilanciano ancora di piu’ la partita e lo stesso difensore atterra in area Gigliotti causando il calcio di rigore. Sarao non sbaglia e spiazza Confente. La partita si conclude sul risultato di 1-0.

Una Reggina che è apparsa fisicamente stremata e senza alcuna idea di gioco. L’impronta di Drago sembrerebbe ancora inesistente, a conferma di un’altra prestazione scialba. Ingenuità del capitano Conson, “marchiato” dal cartellino giallo già dal primo tempo e con l’espulsione che sembrava già annunciata. La prossima partita in casa della Juve Stabia potrà e dovrà essere la prova del nove della nuova Reggina targata Drago, priva del suo capitano ma con tutto da guadagnare. Il play-off tanto ambito dovrà essere guadagnato sul campo, agli amaranto non sarà piu’ concesso sbagliare.