Gomorra – la serie torna sul piccolo schermo: il riassunto delle prime due puntate

Foto: pagina Facebook Sky Atlantic

La quarta stagione di Gomorra è iniziata. Una nuova famiglia si affaccia sulla scena criminale: i Levante, parenti di Genny da parte di madre, capitanati da Gerlando e il figlio Michelangelo. La serie riparte proprio nella tenuta dei Levante dove un incontro/scontro tra Gerlando ed un politico termina con l’omicidio di quest’ultimo.
Gennaro, scosso dopo la morte di Ciro, incontra Sangue Blu e nel punto esatto dove giace il corpo dell’Immortale, ed Enzo comunica la decisione di sciogliere l’alleanza, trovando il benestare di Genny.
I Capaccio, oramai alleati con Enzo e Valerio, vogliono la testa del giovane Savastano e sono pronti alla guerra. Gennaro chiede quindi aiuto ai Levante, che accettano di supportarli. Un’autobomba dinnanzi un centro scommesse dei Capaccio stronca sul nascere le ostilità. Elia e Ferdinando quindi, convinti da Don Aniello Pastore, trovano un accordo con Savastano per evitare la guerra: Patrizia e Don Gerlando sono i nuovi padroni di Secondigliano. Ripresosi la libertà, Gennaro svela ad Azzurra di volersi cimentare nel business “pulito” con il progetto di costruire un aeroporto.
Il rampollo ha bisogno di una nuova figura da apporre al comando del nuovo consorzio per la costruzione dell’aeroporto e si affida quindi ad Alberto, imprenditore alle prese con ingenti debiti, al quale consegna il 15% delle quote societarie.
La società acquisisce i terreni necessari alla realizzazione del progetto, ma non tutti sono interessati a vendere. Uno dei proprietari, Giovanni, è infatti deciso a non cedere alla proposta, ma Genny riesce a convincerlo facendo leva sulla situazione familiare dell’uomo: la moglie è affetta da un tumore al fegato e i medici non le hanno dato speranza. È proprio Savastano a ridare la speranza offrendo la possibilità di volare in Brasile ed avere un trapianto di fegato. Quando l’uomo è ormai convinto di accettare l’offerta, qualcosa va storto: Alberto manda un picchiatore con l’intento di convincere Giovanni ad accettare, ottenendo però l’effetto contrario. Sarà proprio Genny a sciogliere la matassa dopo aver scoperto che lo stesso proprietario aveva fatto sotterrare fusti tossici. Giovanni accetterà pertanto di vendere il suo terreno ad una cifra inferiore rispetto a quella precedentemente pattuita. CLICCA QUI E METTI MI PIACE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

Total
0
Shares
Previous Article

Stupro Circumvesuviana, la ragazza scrive una lettera: "Ho iniziato ad odiare il mio corpo"

Next Article
Oroscopo-oggi

L'oroscopo di sabato 30 marzo: la giornata segno per segno

Related Posts