Inter, tutto rimandato al ritorno: a Francoforte è 0-0

Alle 18:55 l’Inter scende in campo a Francoforte per una sfida difficile, in palio c’è parte della qualificazione ai quarti di finale. I nerazzurri, dopo una settimana complicata, dovranno rispondere sul campo alle critiche ricevute per il sorpasso del Milan in classifica. Spalletti, che compie oggi 60 anni, manda in campo Borja Valero per l’indisponibile Nainggolan. I padroni di casa partono forte, mettendo in campo tanta intensità, ricordando vagamente l’Atalanta di mister Gasperini, costringendo l’Inter ad alcuni errori nella propria trequarti a causa dell’asfissiante pressing tedesco. La Beneamata però prende le misure e cresce nella prestazione cercando di imporre le proprie idee di gioco. L’occasione più nitida capita al 22′, Lautaro Martinez da vero rapace d’area cattura una palla vagante, la protegge e si procura un importante calcio di rigore. Sul dischetto si presenta Brozovic che viene però ipnotizzato da Trapp e sbaglia la più nitida delle occasioni. L’Inter non accusa troppo il colpo psicologicamente e continua a fare la partita in uno splendido stadio, in cui i sostenitori di casa si fanno sentire. La prima frazione termina dunque 0-0. Nel secondo tempo la partita cambia, l’Inter cala il ritmo e non riesce a ripartire, favorendo l’Eintracht che in più occasioni va vicina al gol del potenziale vantaggio, ma la poca lucidità e De Vrij, Skriniar e Handanovic tengono a galla gli ospiti. Spalletti può giocarsi ben poche carte a causa delle varie defezioni, la prima di queste è Candreva che prende il posto di Perisic alle prese con guai muscolari. Successivamente entra anche Cedric per uno stremato Borja Valero. L’Inter pur soffrendo riesce a portare a casa uno 0-0 che rimanda il discorso qualificazione a San Siro settimana prossima, in cui sono attesi più di 13mila tifosi ospiti e in cui mancherà Lautaro Martinez per squalifica, fondamentale sarà per i nerazzurri ritrovare Keita e Icardi.