L’ex capo ultrà Genny a’ Carogna diventa collaboratore di giustizia

Torna a fare parlare si sè Genny ‘a Carogna, il capo ultras che il 3 maggio del 2014, in occasione di Napoli-Fiorentina, trattò con le forze dell’ordine per decidere se far giocare la partita o meno. Dopo quell’episodio, Gennaro De Tommaso, fu accusato di essere uno degli organizzatori di un traffico di sostanze stupefacenti tra Napoli e città estere. La pesante condanna a 18 anni, con molta probabilità, ha portato l’ex capo ultras a cambiare radicalmente scelte. Gennaro ha scelto di diventare un collaboratore di giustizia. Un percorso lungo e importante che porterà con ogni probabilità uno sconto sulla pesante pena.