Napoli. Matrimonio Tony Colombo, città in tilt

“Troviamo assurdo che si permetta a qualcuno di prendere in ostaggio un’intera città per un matrimonio. Come è stato possibile allestire e tenere un concerto non autorizzato in piazza Plebiscito? Come è stato possibile che un corteo circense non autorizzato con un cocchio in stile Casamonica abbia mandato in tilt Secondigliano? Tra l’altro il convegno anticamorra previsto al Maschio Angioino è stato spostato per celebrare il matrimonio di una vedova di camorra”. Lo affermano il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il consigliere comunale del Sole che Ride Marco Gaudini in riferimento ai disagi per la cittadinanza legati al matrimonio di Tony Colombo celebrato giovedì a Napoli. “Ha fatto bene l’assessore alla Polizia Locale Alessandra Clemente a prendere posizione contro tutto ciò. I responsabili dovranno essere sanzionati nella maniera più pesante possibile. Chiediamo inoltre a Prefetto e Questore di identificare i presenti al matrimonio visto che la sposa, Tina Rispoli, è la vedova di Gaetano Marino, fratello di Gennaro Marino, l’ex boss di camorra originario delle Case Celesti di Secondigliano. Mai più una vergogna del genere nella nostra città”.

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Come disattivare il blocco della pubblicita per Cronache della Campania?