Esteri

Nuova Zelanda, attentato contro moschee: 49 morti

Ammonta a 49 morti il bilancio delle due sparatorie avvenute in due moschee nella città di Christchurch, in Nuova Zelanda. La premier, Jacinda Ardern, ha confermato l’attacco terroristico. La Polizia ha fermato l’attentatore, Brenton Tarrant, giovane australiano, il quale è stato riconosciuto poichè ha filmato la strage. Arrestate anche altre tre persone, tra di loro una donna.

Sui caricatori usati per compiere il massacro, Tarrant ha scritto il nome delle persone che hanno compiuto stragi razziali. Spicca anche il nome di Luca Traini, il 28enne che nel 2018 ha sparato sugli immigrati a Macerata. Prima di compiere la strage, il killer ha pubblicato sul proprio profilo un manifesto contro gli immigrati e musulmani. Il capo della polizia neozelandese ha confermato il rinvenimento di auto con esplosivo a bordo poste al centro della città, dove era in atto la manifestazione degli studenti sul clima.

Gli attentati sono iniziati attorno alle 13.40 (ora locale), quando un uomo è entrato nella moschea al Noor, uccidendo 41 persone. Pochi minuti dopo è stata colpita anche la moschea di Linwood, dove sono state uccise 7 persone. L’attentatore ha ripreso il tutto con un video di circa 20 minuti che poi ha diffuso sui social media.

Giorgia Rieto

Tags
Back to top button
Close

Adblock Attivo

<strong>ATTENZIONE:</strong> OnlineMagazine.it è un portale completamente gratuito composto da ragazzi, la maggior parte dei quali studenti universitari. Il nostro sito vive grazie alla pubblicità ma abbiamo deciso di limitarne estremamente l’utilizzo tramite pochi e semplici banner non invasivi, del tutto integrati all’interno del template. <br/><strong>Su Online Magazine non troverete:</strong> <ul> <li>Site Skins (intero sfondo con pubblicità)</li> <li>Banner a comparsa a tutto schermo</li> <li>Banner a comparsa nell’angolo in basso a destra</li> <li>Video con audio fastidioso</li> <li>Banner che superano le dimensioni standard iAB</li> <li>Banner che compaiono automaticamente mentre leggete un articolo</li>.<br/>E inoltre anche chi amministra questo sito è “un utente del Web” ed è perfettamente cosciente di quanto possano essere “fastidiose” le pubblicità quando diventano troppo numerose oppure estremamente invasive.<strong> Su OnlineMagazine.it non troverete mai nulla di tutto questo</strong> <strong>quindi vi chiediamo di disattivare l’utilizzo dell’AdBlocker sul nostro sito.</strong><br/>Per farlo, basta cliccare sull’icona dell’estensione AdBlock o uBlock del vostro browser e <strong> scegliere di disattivarlo soltanto su questo sito</strong>. Adblock continuerà a funzionare su tutti gli altri siti Web<br/> <b>GRAZIE </b>