Rampa Nunziante, al via il processo: “Senza i lavori abusivi il palazzo non sarebbe crollato”

Torre Annunziata. E’ iniziato ieri il processo per il crollo della palazzina di Rampa Nunziante avvenuto all’alba del 7 luglio di due anni fa. Nel terribile incidente persero la vita due bambini e sei persone. A giudizio ci sono sedici persone. I proprietari dell’appartamento Gerardo Velotto e Massimo Lafranco, l’amministratore di condominio Roberto Cuomo, l’operaio Pasquale Cosenza, gli architetti Aniello Manzo e Massimiliano Bonzani. Sono accusati tutti di crollo e omicidio colposo. I restanti, invece, sono accusati di falso in atto pubblico. La prima udienza, celebrata ieri al tribunale di Torre Annunzata, è durata poco più di cinque ore ed è stato ascoltato il primo teste. Si tratta del maresciallo Antonio Russo, comandante del Nucleo Operativo di Torre Annunziata che ha condotto le indagini. “Nel corso delle indagini – ha detto Russo – abbiamo scoperto che i lavori nella casa di Gerardo Velotto non erano autorizzati, erano del tutto abusivi. Il committente era Velotto, l’esecutore Cosenza. Esistevano due contratti preliminari di vendita dell’appartamento tra la moglie di Lafranco e Velotto: il primo da 370mila euro, il secondo da 210mila”. Inoltre a Velotto era stato negato un mutuo da 60mila euro perché mancavano l’agibilità e i servizi igienici”. L’edificio secondo quanto emerso dai rilievi non sarebbe mai crollato se non fossero stati fatti lavori in quell’appartamento. I primi segnali di pericolo si avvertirono già giorni prima. Qualcuno infatti lamentava che gli infissi non erano più allineati e le porte non si chiudevano bene. CLICCA QUI E METTI MI PIACE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK