CulturaRubricheUltime Notizie

A 25 anni dal genocidio in Ruanda la testimonianza di un sopravvissuto

A 25 anni dal genocidio che ha visto la morte di oltre un milione di Tutsi, il racconto di uno dei superstiti

Sono passati 25 da quell’ 8 aprile 1994, quando iniziò un periodo di morte per la mia famiglia. Ricordo l’ultima volta che vidi mio padre, dopo iniziò un periodo di morte che durò tre mesi ma che per me sembravano un’eternità. Un pensiero va a chi non c’è piu’, ai miei cugini, ai miei zii e zie, ad amici e conoscenti, a coloro che sono stati uccisi solo perché “Tutsi”.

Se sono qua oggi, è perche credo alla nostra unità ipostatica. Credo che il  sangue delle vittime sia la mia forza di oggi nell’affrontare i fatti quotidiani.
Pregate per me, per tutti noi Ruandesi e per tutto il mondo. Pregate per la vera unità del popolo Ruandese. Pregate per i sopravvissuti, affinché nessun possa fare ciò che hanno fatto i nostri carnefici.
A voi tutti sopravvissuti, la nostra vita ha un senso e significato. Dio non ci ha risparmiato per un caso, abbiamo un mandato, quello di fissare il nostro sguardo alla verità che rende liberi. Tocca a noi unirci, unire la nostra vita, la nostra verità che nessun può fare tacere. Tocca a noi insegnare il valore della vita, perché abbiamo rischiato di perderla tante volte. Dio ci ha fatto sopravvivere per un motivo. Tocca a noi parlare al mondo dell’amore, noi che sappiamo il vero prezzo dall’odio, a noi tocca dare un messaggio di vita perché siamo vivi davvero, sono 25 anni, non è solo una notte. Ricordo quella preghiera “DIO, FAMMI PASSARE AL MENO QUESTA GIORNATA – poi arrivata la sera- OH DIO, FAMMI PASSARE AL MENO QUESTA NOTTE”! Nessun uomo su questa terra ci ha protetto senza la mano di Dio! Oh Dio mio, ti ringrazierò per tutto il resto della mia vita perché solo tu mi hai fatto sopravvivere e mi fai vivere fino ad oggi“.

Questo è il ricordo di uno dei sopravvissuti al genocidio in Ruanda, Jean Paul Habimana, oggi docente di religione a Milano presso la scuola Europa e amico di Don Giovanni Zampaglione, il quale nella celebrazione Eucaristica a Marina di S.Lorenzo ha ricordato il padre di J.Paul,Niyondamya Amaclet, nella speranza che non si verifichino MAI PIU’ fatti orrendi e orribili come quelli successi in Ruanda ove trovarono la morte un milione di persone.

CLICCA QUI E METTI MI PIACE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

Giorgia Rieto

Tags
Back to top button
Close

Adblock Attivo

<strong>ATTENZIONE:</strong> OnlineMagazine.it è un portale completamente gratuito composto da ragazzi, la maggior parte dei quali studenti universitari. Il nostro sito vive grazie alla pubblicità ma abbiamo deciso di limitarne estremamente l’utilizzo tramite pochi e semplici banner non invasivi, del tutto integrati all’interno del template. <br/><strong>Su Online Magazine non troverete:</strong> <ul> <li>Site Skins (intero sfondo con pubblicità)</li> <li>Banner a comparsa a tutto schermo</li> <li>Banner a comparsa nell’angolo in basso a destra</li> <li>Video con audio fastidioso</li> <li>Banner che superano le dimensioni standard iAB</li> <li>Banner che compaiono automaticamente mentre leggete un articolo</li>.<br/>E inoltre anche chi amministra questo sito è “un utente del Web” ed è perfettamente cosciente di quanto possano essere “fastidiose” le pubblicità quando diventano troppo numerose oppure estremamente invasive.<strong> Su OnlineMagazine.it non troverete mai nulla di tutto questo</strong> <strong>quindi vi chiediamo di disattivare l’utilizzo dell’AdBlocker sul nostro sito.</strong><br/>Per farlo, basta cliccare sull’icona dell’estensione AdBlock o uBlock del vostro browser e <strong> scegliere di disattivarlo soltanto su questo sito</strong>. Adblock continuerà a funzionare su tutti gli altri siti Web<br/> <b>GRAZIE </b>