Carburanti, non si fermano gli aumenti

Non si fermano gli aumenti sui prezzi dei sul territorio nazionale. Complice delle variazioni di prezzo anche le tensioni Usa-Iran, l’aggravarsi della crisi libica e le tensioni in Venezuela. Infatti le quotazioni del greggio e a cascata dei prodotti petroliferi in Mediterraneo segnano un nuovo passo avanti e le compagnie si muovono di conseguenza. Oggi tocca a Eni, IP e Italiana Petroli ritoccare i prezzi raccomandati di benzina e diesel, con rialzi di 1 centesimo per entrambi i carburanti. Sul territorio si estende di conseguenza l’andamento in salita dei prezzi praticati, che sulle autostrade possono anche superare in qualche caso i 2 euro/litro. In particolare, in base all’elaborazione di Quotidiano Energia dei dati alle 8 di ieri comunicati dai gestori all’Osservaprezzi carburanti del Ministero dello Sviluppo Economico, il prezzo medio nazionale praticato in modalità self della benzina è pari a circa 1,618 euro/litro, con i diversi marchi che vanno da 1,618 a 1,633 euro/litro (no-logo a 1,598). Il prezzo medio praticato del diesel è a 1,508 euro/litro, con le compagnie che passano da 1,509 a 1,518 euro/litro (no-logo a 1,486). Quanto al servito, per la verde il prezzo medio praticato è di 1,750 euro/litro, con gli impianti colorati che vanno da 1,721 a 1,820 euro/litro (no-logo a 1,643), mentre per il diesel la media è a 1,643 euro/litro, con i punti vendita delle compagnie tra 1,628 a 1,725 euro/litro (no-logo a 1,531). Il Gpl, infine, va da 0,637 a 0,663 euro/litro (no-logo a 0,632).


Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità