Catanzaro. Continuavano a percepire la pensione dei parenti morti 21 anni fa

Continuavano a riscuotere la pensione della madre e della suocera, entrambe decedute, presentando anche richiesta per il reddito di cittadinanza ed ottenendo 1.300 euro al mese.

Con l’accusa di truffa ai danni dell’Inps, il Nucleo Gruppo tutela spesa pubblica della Guardia di Finanza di Catanzaro, su delega della Procura, ha sequestrato a due soggetti circa 184 mila euro. I due avevano omesso la morte dei parenti, continuando a prelevare le pensioni, arrivando a percepire 84 mila euro nel primo caso e 100 mila euro nel secondo. Entrambi i parenti erano deceduti rispettivamente nel 2005 e 1998.

CLICCA QUI E METTI MI PIACE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK