Urla e schiaffi ai bambini dell’asilo: maestra di 60 anni sospesa per due mesi

Una maestra di 60 anni, in servizio in un asilo pubblico a Nicosia, nell’Ennese, è stata sospesa dall’insegnamento per due mesi. La donna è accusata di maltrattamenti nei confronti di bambini di età compresa tra 5 e 6 anni. I Carabinieri – che le hanno notificato il provvedimento – avrebbero documentato spinte, schiaffi e strattonamenti da parte dell’insegnante nei confronti dei piccoli. Le indagini, condotte dagli uomini dell’Arma di Nicosia, sono iniziate lo scorso marzo a seguito di segnalazioni sulle condotte anomale della maestra. Ora è arrivato la misura cautelare disposta dalla magistratura. L’insegnante è accusata di avere sottoposto a vessazioni e trattamenti degradanti i propri scolari, in particolare inveendo contro di loro con urla e rimproveri immotivati e picchiandoli quotidianamente con schiaffi, spinte e strattoni, nonché, in diverse occasioni, afferrandoli con violenza per le braccia o per la testa per poi trascinarli di peso alle loro sedie, giungendo fino a scaraventarli per terra o contro gli arredi dell’aula. L’attività investigativa è partita dalla segnalazione di alcuni genitori che avevano notato alcuni comportamenti anomali dei propri figli, che frequentano la scuola dell’infanzia. I bambini si lamentavano di alcuni comportamenti tenuti dalla maestra, rifiutandosi di andare a scuola nei giorni in cui era in servizio. Sono state così avviate le indagini, anche attività tecniche e ascoltando alcuni testimoni. Due mesi di accertamenti hanno evidenziato numerosi gravi atti di violenza da parte dell’insegnante nei confronti di più bambini, che venivano quotidianamente sottoposti ad atti violenti.