Napoli. Baby Gang spietate, in 30 contro 3: in ospedale le vittime

Napoli. Tre giovani residenti in provincia di Napoli sono stati aggrediti e malmenati la scorsa notte “senza motivo” da una baby gang composta, a detta delle vittime, da una trentina di ragazzini. Il fatto è avvenuto in vico Carrozzieri, nel cuore della movida di Monteoliveto. Le vittime hanno rispettivamente 23, 21 e 20 anni. Alla Polizia di Stato hanno raccontato di aver incrociato il branco di ragazzini e che da uno scambio di parole grosse, per futili motivi, si e’ poi passati all’aggressione con pugni e calci. I feriti sono stati medicati in ospedale e dimessi: il 20enne ha riportato contusioni al fianco e al torace, con prognosi di due settimane; per gli altri due, lieve trauma cranico e trauma facciale guaribili in sette e dieci giorni. Due dei feriti sono stati medicati nell’Ospedale del Mare, il terzo al Cardarelli. Le vittime non hanno saputo fornire descrizioni precise degli aggressori, riferendo solo il loro numero approssimativo e l’età, più o meno compresa tra i 14 e i 18 anni. La polizia sta cercando di ricostruire l’accaduto e risalire ai responsabile attraverso la visione delle immagini delle telecamere di video sorveglianza della zona. L’aggressione di Monteolveto segue di poco quanto accaduto al Vomero dove una baby gang di 4 ragazzini ha sparato a salve in piazza Vanvitelli.