Triste, parla la madre dell’assassino: “Non so come chiedere scusa a queste famiglie”

Lutto cittadino indetto nella città di Trieste dopo l’omicidio dei due agenti della Polizia, uccisi per mano di Alejandro Augusto Stephan Meran. L’omicida si trova attualmente in stato di fermo, con l’accusa di omicidio plurimo e tentato omicidio. A rilasciare le prime dichiarazioni è stata la madre del ragazzo: “Mi dispiace, non so come chiedere scusa a queste famiglie. Prego Dio che dia loro pace e che un giorno possano perdonare. Cosa si può dire a un padre che ha perso il proprio figlio e a un figlio che perde il padre? Non c’è nulla che si possa dire“. La donna, al momento dell’omicidio, si trovava nelle vicinanze della Questura insieme agli agenti: “Non ho fatto in tempo a uscire dalla macchina, perchè sentivo gli spari e gli agenti mi dicevano di stare giu’. Sentivo gli spari e sentivo le urla di mio figlio“. La madre dell’omicida ha inoltre dichiarato che il figlio, la sera prima del gesto estremo, sentiva delle voci che lo perseguitavano. L’uomo era in cura in Germania prima che arrivasse in Italia per dei problemi psichici.