La Casertana torna alla vittoria nel derby contro l’Avellino: Starita e D’Angelo mettono i Lupi nei guai

Non è una semplice partita, è il derby del gemellaggio quello tra Casertana e Avellino, due formazioni alla ricerca di punti. Saranno quindi nemici per novanta minuti i Falchi e i Lupi. Ginestra è in emergenza per le assenze importanti, tra le tante, quella di Castaldo, ma non snatura il suo credo tattico: ancora 3-5-2 con Origlia al fianco di Starita con Floro Flores pronto a dare una mano a partita in corso. A centrocampo out Laaribi per squalifica, oltre che Lezzi per infortunio e Zito non al meglio seppur convocato.
LA PARTITA – Partono bene gli ospiti che dopo pochi minuti colpiscono il palo con l’incornata di Charpentier e sul prosieguo dell’azione Di Paolantonio prova di potenza ma la palla deviata esce di un soffio. La risposta della Casertana non si fa attendere e dopo due minuti Origlia si libera bene di un avversario, pareggiando il conto dei legni ma sul lato opposto è lesto Starita a insaccare. Ancora Casertana viva in zona offensiva con il vivace Starita il quale fa tutto bene serpeggiando tra la difesa ospite ma sbaglia il tiro a tu per tu co Tonti. Ottimo il livello di gioco degli uomini di Ginestra anche con il duo offensivo “leggero” capace di mettere in difficoltà la difesa avversaria non dando punti di riferimento. Poco dopo il ventesimo si fa vedere nuovamente l’Avellino in attacco quando una non attenta difesa rossoblu regala una ghiotta chance a Di Paolantonio simile alla precedente ma l’esito resta invariato. Alza i giri del motore la squadra irpina e flirta col pareggio quando Illanes spara a botta sicura ma Crispino è freddissimo e gli nega la gioia. Piove sul bagnato in casa rossoblu per gli infortuni: alla mezz’ora si ferma nuovamente Rainone, costretto ad abbandonare il terreno di gioco in favore di Paparusso. All’ultimo respiro della prima frazione i Falchi trovano anche il raddoppio. È il classico gol dell’ex a mettere al sicuro il risultato per la squadra di Ginestra: cross dalla destra di Origlia sul secondo palo dove D’Angelo è ben appostato e spinge di testa la palla in fondo al sacco. Nessuna esultanza dell’ex calciatore irpino per rispetto di una piazza che lo ha amato per lunghi anni. Nella ripresa il primo squillo è biancoverde con la bella girata di Laezza senza però inquadrare lo specchio. I ritmi calano poi vistosamente e la Casertana tenta senza troppe difficoltà di gestire il doppio vantaggio. La noia si interrompe temporaneamente a pochi minuti dal fischio finale quando la Casertana conduce un ottimo contropiede con Paparusso che vede sul secondo palo Starita ma la spaccata del numero sette è fuori bersaglio. Non succede più nulla tra le due squadre. Tornano alla vittoria i Falchi dopo tre turni di campionato dove avevano raccolto un solo punto, portandosi ora a quota 21 in classifica. Capuano, di contro, perde assieme ai biancoverdi la quarta partita consecutiva, restando quindi nei bassifondi della graduatoria, ancora a quota 14.

TABELLINO:
CASERTANA: Crispino; Rainone (34′ Paparusso), Caldore, Santoro, Starita, D’Angelo, Longo, Adamo, Clemente (73′ Matese), Origlia (79′ Floro Flores), Silvia. A disposizione: Zivkovic, Galluzzo, Gonzalez, Zito, Zivkov, Ciriello, Varesanovic, Petito. All.: Ginestra
AVELLINO: Tonti, Celjak (57′ Silvestri), Zullo, Di Paolantonio, Rossetti (45′ Nije), Charpentier, Albadoro (56′ Alfageme), De Marco, Micovschi (69′ Karjc), Illanes, Laezza. A disposizione: Pezzella, Abibi, Palmisano,Morero, Carbonelli, Evangelista. All.: Capuano
ARBITRO: Marco D’Ascanio di Ancona ASSISTENTI: Meocci – Mariottini
MARCATORI: 8′ Starita (C), 45’+1 D’Angelo (C)
AMMONITI: Albadoro (A), Laezza (A), Adamo (C), Matese (C)
ESPULSI:
RECUPERO: 2’/5′

CLICCA QUI E METTI MI PIACE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK