Reggio Calabria, furbetti del cartellino scoperti dalla Finanza: emesse 13 custodie cautelari

La Guardia di Finanza di Reggio Calabria, in seguito ad accurate indagini, ha scoperto diversi furbetti del cartellino dipendenti dell’Azienda sanitaria provinciale di Reggio Calabria, con sede a Taurianova. Sono 13 le misure cautelari emesse nei confronti dei dipendenti, mentre 25 persone sono state indagate. I soggetti in questione timbravano il cartellino e poi andavano a svolgere attività personali come shopping al mercato o attività in palestra. Gli indagati, oltre all’assenteismo nel posto di lavoro, dichiaravano anche ore extra rispetto a quelle indicate, fino a 30 ore di straordinario. Nel corso delle indagini sono emersi certificati di malattia che attestavano diversi problemi, mentre i falsi malati si godevano il sole in spiaggia.