Coronavirus, tutti a lezione da Jurgen Klopp

Signori e Signore, tutti a lezione dal Mago Jurgen Klopp, allenatore del Liverpool e uno dei tecnici più importanti del globo terrestre. Nel post partita contro il Chelsea di ieri sera (partita valida per l’FA Cup e persa dai suoi per 2-0), l’allenatore tedesco è stato interpellato sul grave problema che sta coinvolgendo tantissime nazione del mondo, il Coronavirus. La risposta è da applausi, una risposta che tanti in Italia dovrebbe tenere bene a mente. Quando non siete esperti in materia, qualsiasi essa sia, provate a tacere. Proprio come ha fatto un grande uomo di sport come Jurgen. Queste le sue parole:

“Non tollero che su un argomento così serio l’opinione di un allenatore sia ritenuta importante. Chi è realmente informato può dirci cosa fare e non fare e se le cose andranno bene o meno. Non un allenatore di calcio. Politica, coronavirus…perché lo chiedete a me? Io indosso un cappello e ho una barba tagliata male. Davvero non lo capisco, non è importante quello che le persone famose dicono, bisogna parlare delle cose nel modo giusto – ha aggiunto il tecnico dei reds – Non è il compito di una persona all’oscuro dei fatti come me. Sono preoccupato quanto voi, forse meno non lo so, ma la mia opinione non conta. Voglio che tutti siano al sicuro e in salute, auguro il meglio a tutti. Ma la mia opinione sul coronavirus non è importante”