Il Monopoli espugna il Granillo: Salvemini e Piccinni fanno volare alto il gabbiano

La Reggina cade per la terza volta in questa stagione e lo fa contro il Monopoli allenato da un ex amaranto, Beppe Scienza. Il gabbiano espugna il Granillo e lancia un chiaro segnale alle dirette avversarie, confermando la scia positiva di vittorie fuori casa.

Amaranto scesi in campo con una formazione adattata da Mimmo Toscano a causa dei diversi infortuni e assenze provocate dall’influenza. Difesa a tre adattata per la Reggina, con Gasparetto, Blondett e Marchi; fuori dai giochi Loiacono, Rossi e Bertoncini. Zona offensiva affidata a German Denis e Rigoberto Rivas.

Al fischio d’inizio sono i pugliesi a premere sull’acceleratore, con un Donnarumma imprendibile sulla corsia laterale e un Giorno esplosivo a centrocampo. Gli amaranto subiscono e soffrono a centrocampo, con Sounas nettamente in difficoltà e Rivas poco incisivo con il gioco della sauadra. La partita cambia quando De Rose, già ammonito, butta giù un avversario diretto in porta, dopo un errore di Blondett in fase di disimpegno. Per la Reggina la strada si fa in salita e il Monopoli ne approfitta con il neo entrato Salvemini; su assist di Fella, il calciatore non sbaglia il tocco decisivo che spiazza Guarna. Immobile la difesa amaranto. La Reggina tenta il tutto per tutto con Doumbia, il francese spreca una clamorosa occasione spizzando il pallone di testa nelle mani di Menegatti. Il Monopoli trova anche la rete del raddoppio con Piccinni su un’azione rocambolesca in area di rigore. Triplice fischio finale e vittoria per il Monopoli sul difficile terreno del Granillo.

Una Reggina scesa in campo in evidente difficoltà rispetto alle precedenti gare. L’espulsione di De Rose, seppur in parte, ha influito in modo negativo sul gioco degli amaranto. Da rivedere le prestazioni di Sounas e Rivas, entrambi non al meglio delle condizioni e sovrastati dagli avversari. Sostituzioni forse troppo azzardate quelle realizzate da Mimmo Toscano, con un Nielsen protagonista in negativo sull’andamento della gara. Vittoria sudata e guadagnata dal Monopoli, protagonista di una partita ben studiata e tatticamente perfetta. Scienza ed i suoi uomini, con l’uomo in più, non hanno esitato ad attaccare l’area avversaria, vincendo con due reti di scarto.

Reggina che cade per la seconda volta in questo campionato tra le mure amiche, mantenendo 7 punti di vantaggio dal Bari e 9 dal Monopoli. Per gli amaranto testa alla gara di domenica sul terreno del Viviani, dove la Reggina affronterà il Picerno, vittorioso in casa del Virtus Francavilla.

Foto: Fortunato Serranó