Il calcio riparte da Haaland, la Bundesliga dà il via alla nuova era del calcio in mascherina

Il calcio riparte dalla Germania e da quella che è stata la ventiseiesima giornata della Bundesliga. Senza Covid-19, oggi, si sarebbe giocata l’ultima partita stagionale, quella che avrebbe sancito il vincitore del campionato. Quella che è andata in scena è stata invece una giornata inedita, mai vissuta nel mondo del calcio fino ad oggi. Le porte chiuse e la conseguente assenza dei tifosi, uniti all’uso delle mascherine, alla riduzione degli steward ed all’entrata in campo una squadra per volta ha segnato in modo indelebile una nuova pagina nel mondo del calcio. Cinque partite disputate nella prima parte della giornata, l’ultima in programma alle 18:30 vedrà affrontarsi Francoforte contro Monchengladbach. Adattarsi a questo nuovo calcio è un obbligo in Germania, dove i massimi vertici hanno deciso per la ripartenza seguendo tutti i protocolli sanitari. Ciò che non è cambiato dall’8 marzo, ultima partita giocata in Bundesliga, è stata una o meglio una certezza: Haaland. Il norvegese classe 2000 ha ripreso lì da dove aveva lasciato, sul tabellone dei marcatori, aggiudicandosi il titolo di ‘Primo marcatore del nuovo calcio‘. Nell’attesissimo Derby della Ruhr tra Borussia Dortmund e Schalke 04, i padroni di casa hanno asfaltato i cugini con ben quattro reti di scarto, lanciandosi a quota 54 punti in classifica, meno uno dal Bayer in campo nella giornata di lunedì.

I risultati della giornata

Augusta 1 – 2 Wolfsburg
Dortmund 4 – 0 Schalke
Dusseldorf 0 – 0 Paderborn
Hoffenheim 0 – 3 Hertha
RB Lipsia 1 – 1 Friburgo