Comunali Reggio Calabria, Angela Marcianò: “Siamo l’unica alternativa, dalla nostra abbiamo libertà e audacia”

Cresce l’entusiasmo e pure i consensi sul territorio per Angela Marcianò, la candidata
Sindaco di Reggio Calabria scelta anche da Luciano Simone come simbolo di rinnovo,
speranza e legalità. Il tutto nel segno dell’identità reggina.
Ad appena 48 ore di distanza dalla conferenza stampa di presentazione di programma
elettorale e liste, la Docente di Diritto del Lavoro può già contare su un nuovo avamposto
in Città: in Corso Garibaldi 573, Luciano Simone ha acceso i riflettori sul volto pulito di
Angela Marcianò, dando vita ad un altro punto di raccolta ed allo stesso tempo di
informazione per tutti i cittadini desiderosi di conoscere meglio le idee e le motivazioni
della prima donna candidata a governare Reggio metropolitana.
È al cuore del popolo che puntano i candidati di Angela Marcianò, avvicinata anche in
questa occasione da tanta gente; nel breve saluto ai molti amici e sostenitori che hanno
deciso di non mancare all’appuntamento, ribadisce: “Siamo l’unica alternativa. Dalla
nostra abbiamo il potere della libertà e l’audacia dell’indipendenza
”.
L’inaugurazione della segreteria di Simone Luciano non è stata solo l’occasione per
ritrovarsi e per dare ufficialmente inizio alla tanto attesa fase della campagna elettorale,
ma anche motivo di incontro e confronto su svariati temi, uno su tutti il rilancio delle
attività commerciali e lo sviluppo del tessuto economico. Il candidato di spicco della lista
civica “Per Reggio Città Metropolitana” è infatti anche presidente e membro fondatore del
Comitato Corso Sud, baluardo sociale che da anni unisce gli imprenditori di quell’area del
centro storico, a poche decine di metri dagli scavi di Piazza Garibaldi, da tempo immemore
in fase di stallo. Ed anche su questo punto Angela Marcianò ha le idee chiare: “Per la
crescita della Città si deve preservare e valorizzare il patrimonio culturale e artistico. Per
esempio, la costruzione di un sistema integrato che ruoti attorno al MaRC, puntando alla
valorizzazione delle attività culturali anche come accrescimento dell’offerta turistica del
territorio. E’ opportuno puntare sul Museo come volano, considerato che rappresenta
l’attrazione culturale più conosciuta, creando a supporto itinerari che prevedano una visita
connessa però a tutte le altre bellezze culturali e paesaggistiche di Reggio Calabria”.
“ I siti archeologici – incalza la candidata a Sindaco – versano in uno stato di abbandono
totale e non sono valorizzati in alcun modo. I turisti che giungono nella nostra Città, spesso
disconoscono la presenza di resti antichi, che magari scoprono casualmente passeggiando per le vie del Centro. I nostri beni culturali non vengono considerati come un tassello da
sfruttare per mettere in moto l’economia della Città. Sbagliato! Noi invece vorremmo
realizzare un sistema turistico integrato con la creazione di più percorsi (da presentare ai
tour operator nazionali ed internazionali) che coinvolga tutte le realtà culturali di Reggio.
Ciò si può ottenere con la creazione, per esempio, di un biglietto unico che dia la
possibilità, in due/tre giorni, di visitare non solo il Museo, ma anche i siti archeologici, il
Castello Aragonese, la Pinacoteca civica ed il Palazzo della Cultura “Pasquino Crupi”. In tal
modo si darebbe un input ai turisti di fermarsi più di un giorno nella nostra Città,
diffondendo sempre di più la consapevolezza che cura e sviluppo dei beni comuni materiali
ed immateriali portino alla rinascita dei rapporti sociali, dell’economia e della bellezza della
Città.

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità