atalanta
atalanta

Vigilia di Atalanta-PSG: un viaggio da ricordare per sempre

L’Atalanta è pronta a sfidare il PSG: obiettivo semifinale di Champions League, sarebbe un risultato storico ma soprattutto indimenticabile.

Il quadro dei quarti di finale di Champions League è completo. Tutto è pronto per la famosa Final Eight di Lisbona. Manchester City, Bayern Monaco, Barcellona, Psg, Atalanta, Atletico Madrid, Lipsia e Lione. Queste le magnifiche 8 che si contenderanno l’ambita coppa. L’ordine dell’elenco non è casuale: dalla favorita assoluta fino alla formazione di Rudi Garcia. In mezzo una squadra italiana. Di solito in questo tabellone compare la Juventus, quest’anno c’è la fantastica Atalanta di Giampiero Gasperini.

Per la Dea di Bergamo è tempo di vigilia: domani sera allo Stadio Da Luz Gomez e compagni sfideranno le stelle del Psg. Una partita suggestiva, ma per nulla scontata. Prima di arrivare, però, a questa sfida galattica, gli uomini di Gasperini hanno affrontato un percorso lungo, tortuoso, ricco di insidie ma anche di soddisfazioni. La prima Champions League dell’Atalanta è iniziata praticamente un anno fa. Agosto 2019, sorteggio dei gironi: City, Shakhtar Donetsk e Dinamo Zagabria sono le prime avversarie nella massima competizione europea. L’inizio è da incubo, l’impatto con la Coppa dalle Grandi Orecchie è traumatico. Prime tre partite, tre sconfitte pesantissime. Trasferta a Zagabria e sconfitta per ben 4-0; gli ucraini dello Shakhtar vincono a San Siro e l’ultima sfida del girone d’andata è all’Ethiad di Manchester: 5-1 per gli uomini di Pep Guardiola.

Zero punti in tre partite, qualificazione oramai andata. Almeno è quello che dicono i numeri, le statistiche. Praticamente nessuno era mai riuscito a qualificarsi alla fase successiva dopo tre sconfitte nelle prime tre partite del girone. Poi però capita qualcosa di incredibile, qualcosa da ricordare e raccontare tra 30 anni. La piccola Atalanta comincia a macinare gioco e avversari, sia in Italia ma soprattutto in Europa. Il pareggio con il City e le due vittorie con Shakhtar Donetsk e Dinamo Zagabria garantiscono ai nerazzurri un assurdo passaggio del turno. E chi se lo sarebbe mai aspettato? Nessuno, forse nemmeno dalle parti di Zingonia. Solo Gasperini e qualche giocatore avevano dichiarato più volte di crederci. Ma passare dalle parole ai fatti ce ne vuole.

Dunque, la Champions della Dea continua. Altra data importante: 16 dicembre 2019. A Nyon si sorteggiano gli ottavi di finale. Nell’urna più prestigiosa ci sono le migliori squadre del mondo. Il rischio di beccarne una è altissimo. Ma la Dea Fortuna bacia l’Atalanta e dalla pallina del sorteggio esce un nome gradito, quello del Valencia. Certo, gli spagnoli non sono gli ultimi arrivati e la partita è comunque complicata. Siamo di fronte a una sfida tra una esordiente e una squadra di tradizione, abituata a giocare le coppe europee. Ma dopo il sorteggio, a Bergamo, c’è un pizzico di fiducia e un minimo di ottimismo per la sfida del 19 febbraio.  

La preparazione agli ottavi è maniacale. Gasperini e i suoi curano ogni minimo dettaglio in allenamento ma soprattutto in campionato. La sfida con i valenciani si avvicina e Gomez e compagni sono più che pronti. E infatti a Milano, gli spagnoli, subiscono una clamorosa sconfitta: 4-1 grazie alle reti di Hatoboer (doppietta), Ilicic e Freuler. Un trionfo incredibile che spiana la strada agli Orobici verso i quarti. La sfida di ritorno, purtroppo, è l’ultima partita di questo maledetto periodo a causa del Coronavirus. Finisce 4-3 per l’Atalanta a Valencia, risultato complessivo 8-4. Anche in questo in caso: chi l’avrebbe mai detto!?

Poi il blackout mondiale. Mesi e mesi di inattività. Il Covid, inoltre, ha colpito Bergamo e provincia come nessun’altra città italiana. Ambulanze e vittime in città non si contano più. Il calcio è l’ultimo dei pensieri ma in qualche modo bisogna ripartire. E la ripresa di Bergamo passa anche dalle imprese dell’Atalanta. Che nel frattempo chiude il campionato estivo al terzo posto, ciò vuol dire Champions League anche il prossimo anno. Una volta terminata la Serie A il pensiero è rivolto verso le Final di Champions. Il sorteggio questa volta è agrodolce: c’è il Psg di Neymar, Mbappè e Icardi. Ma con tutto il rispetto per questo attacco stellare, poteva anche andare peggio. Dopo un viaggio del genere, il tempo di questa sfida, è giunto. Sarà gara secca domani sera. Chi vince volerà in semifinale. Può succedere di tutto, l’Atalanta è pronta. Gomez prontissimo a sfidare i fenomeni parigini e provare a vincere per Bergamo, la sua città.

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità