Reggina, Daniele Liotti: il “vizietto” di essere un eroe

Autore di una doppietta contro il Pescara, il calabrese di Pizzo Calabro, Daniele Liotti

Daniele Liotti lo ha fatto ancora, ha di nuovo svestito i consueti panni di Clark Kent e ha indossato quelli da Super Eroe. Stavolta però ha voluto esagerare, doppietta in 4 minuti e Pescara già messo nell’angolo, poi “finito” dal colpo del KO di Jeremy Menez. Il terzino, originario di Pizzo Calabro, aveva già rubato la scena e i cuori dei tifosi amaranto con l’eurogol da 3 punti contro la Ternana, in quella che probabilmente è stata la partita decisiva per ottenere lo slancio definitivo verso il primato indiscusso del girone e la vittoria del campionato. Il numero 94 deve quindi aver bene compreso la citazione, tanto cara al Presidente Gallo, proferita qualche giorno prima della sfida al Catanzaro “La differenza tra un uomo e un eroe“, e che oggi fa volutamente bella mostra di sé sulle divise ufficiali. Giornata da ricordare per Daniele, con due gol da rapinatore d’area consumato, ha dimostrato di starci bene in questa categoria, nonostante la tanta concorrenza intestina nel suo ruolo, ed anche contro chi diceva che il suo sarebbe stato un campionato da sicura seconda scelta per Mimmo Toscano.

Daniele Vigilante


Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità