Casertana cuore e sacrificio, finalmente la prima gioia al Pinto: il Monopoli va ko


Il Pinto smette di essere tabù per la Casertana di Federico Guidi che conquista i primi tre punti stagionali tra le mura amiche a discapito del Monopoli. La squadra di Scienza ha provato nella ripresa, in particolare nel finale, a riequilibrare il risultato, ma nel complesso i rossoblu hanno meritato il successo, soffrendo e restando uniti gli ultimi minuti dopo le espulsioni di Icardi e Konate.
Primi quaranta minuti di gioco ottimi quindi per la compagine di casa, la quale sblocca il risultato alla prima occasione, al 10′, quando l’ex Hadziosmanovic sfonda a destra, crossa al centro dove il mancato intervento di Menegatti spiana la strada all’altro ex Cuppone, lesto a colpire di testa a porta vuota. La reazione, seppur timida, arriva dopo qualche minuto ed è un altro ex, Starita a mancare il pallone a pochi passi da Avella: il numero sette biancoverde era comunque in posizione di offside; due minuti più tardi, dalla parte opposta, ci prova Salvatore Santoro su punizione a metterla sotto l’incrocio, ma il tiro non è preciso; quasi alla mezz’ora, Nicoletti è costretto ad abbandonare il terreno di gioco per infortunio, poi 60 secondi più tardi è Giorno a provare di controbalzo, ma Avella blocca in due tempi evitando il peggio; al 37′ però, la Casertana inizia a credere seriamente alla vittoria, portandosi sul 2-0 quando Giosa perde un pallone sanguinoso e lancia Pacilli, pronto a servire Icardi che colpisce dai 25 metri. Sbanda il Monopoli e i rossoblu potrebbero addirittura fare il tris ma Cuppone, si fa respingere la conclusione dall’estremo difensore; in pieno recupero, al 47′ poi gli uomini di Scienza trovano, anche a sorpresa, la rete che dimezza lo svantaggio: Mercadante lascia partire un cross e dalle retrovie sbuca Zambataro, siglando il 2-1.
Nella ripresa ci si aspetta una forte reazione dei biancoverdi, reazione che tarda un po’ ad arrivare: ci impiega circa 25 minuti Giorno a creare la prima emozione del secondo tempo degna di nota, finalizzando un batti e ribatti in area, rimediando però solo un angolo. All’85’ lo sliding doors della gara: Icardi rimedia il secondo giallo, lasciando in dieci i compagni e gli ospiti iniziano allora ad insistere verso la porta di Avella: Guiebre prova col sinistro senza centrare la porta; due minuti più tardi tocca al neo entrato Marilungo tentare in girata ma la palla va a a lato. In pieno recupero la Casertana resta addirittura in nove quando Konate si vede sventolare il rosso diretto per una scorrettezza su un avversario. Con sacrificio e senza disunirsi, i rossoblu si stringono tutti in difesa, provando i brividi lungo la schiena al quarto di recupero, quando Mercadante manca di un soffio la palla in area, sprecando una ghiottissima occasione. E’ l’ultima emozione di una gara comunque divertente dove i rossoblu finalmente riescono a spezzare la maledizione Pinto e ripartire dopo la sconfitta del turno scorso, salendo ora a quota 12 in classifica, a meno uno dal Monopoli fermo a 13.
TABELLINO:
CASERTANA (4-3-3): Avella; Hadziosmanovic, Konate, Buschiazzo, Setola; Izzillo, Santoro, Icardi; Pacilli (86′ Matese, 94′ Ciriello), Castaldo, Cuppone. A disp.: Dekic, Zivkovic, Longobardo, Petito, Petruccelli, Ciriello, Valeau, Origlia, Varesanovic, De Lucia, Polito. – Allenatore: Federico Guidi.
MONOPOLI (3-5-2): Menegatti, Mercadante, Giosa, Nicoletti (29′ Sales); Zambataro (71′ Tazzer), Piccinni, Giorno, Paolucci (72′ Vassallo), Guiebre; Starita (60′ Santoro D.), Samele (60′ Marilungo). A disp.: Pozzer, Antonacci, Bastrini, Arlotti, Lombardo, Nina, Rimoli – Allenatore: Giuseppe Scienza.
ARBITRO: Paride Tremolada di Monza ASSISTENTI: Conti-Biffi
MARCATORI: 10′ Cuppone (C), 37′ Izzillo (C), 45′ +2 Zambataro (M)
AMMONITI: Hadziosmanovic (C), Castaldo (C), Giorno (M), Starita (M), Zambataro (M), Icardi (C), Santoro (C)
ESPULSI: 85′ Icardi (C) per doppia ammonizione, 81′ Konate (C) rosso diretto
RECUPERO: 2’/6′

Total
0
Shares
Previous Article

Una Viola decimata sconfitta a Molfetta, non basta un super Mascherpa

Next Article
champions league

Champions League, frase razzista del quarto uomo: partita sospesa

Related Posts