Una Viola decimata sconfitta a Molfetta, non basta un super Mascherpa


Prima sconfitta in campionato dalla fondazione della Pallacanestro Viola. Contro la Pavimaro Molfetta pesano, e molto, le assenze di Genovese e Gobbato. Non basta la super prestazione di un fantastico Giulio Mascherpa, né il cuore di tutta la squadra.  Nel primo quarto la squadra di casa si fa rispettare e prende bene le misure ai neroarancio: una grande prova di Gambarota, Visentin e Bini piega una Viola con le polveri bagnate in attacco. Il parziale è inequivocabile: 21-11.  Nel secondo quarto, è Mascherpa-show. Il play col numero 10 tira fuori stepback dal cilindro, ben supportato da un solido Prunotto e da un costante Barrile. Al riposo lungo, la Viola è sotto di sole 6 lunghezze, e il bravo esterno ha già 18 punti a referto.  Nel terzo quarto pronti, via: Sebrek mette la tripla del -3, seguita pochi secondi dopo da quella del pari di Barrile. Gioca e difende bene la Viola e grazie ad un’altra bomba, la prima in campionato di Paolo Frascati, a metà della frazione si porta sul +5. Il quarto si chiude con la Viola in vantaggio di 3 lunghezze.  La quarta frazione vede, in apertura, il debutto in serie B di Giovanni Centofanti e una Viola che continua a battersi grazie alle bombe di Giulio Mascherpa. La serata neroarancio, però, si ferma lì: è troppa la fatica e negli ultimi 5 minuti la squadra perde lucidità. La parola fine, a un minuto dal termine, è pronunciata da un super Gambarota con una bomba dalla lunga. Finisce 68 a 63 per i padroni di casa che trovano il primo successo in Serie B.  Tabellini  Viola:  Mascherpa 34, Prunotto 8, Roveda 4, Frascati 3, Barrile (K) 5, Gobbato, Genovese, Centofanti, Sebrek 3, Fall 6, Romeo. All. Bolignano.  Molfetta: Visentin 13, Calisi 3, Bini 26, Dell’Uomo 6, Gambarota 17, Sasso, Caniglia, Kodra, Azzolini, Serino, De Ninno 3, Totagiancaspro. All. Carolillo.

Total
0
Shares
Previous Article

A Napoli intervento con il farmaco più costoso al mondo su una bambina di sei mesi

Next Article

Casertana cuore e sacrificio, finalmente la prima gioia al Pinto: il Monopoli va ko

Related Posts