INGV

Etna, eruzione spettacolare nella notte

INGV sull’eruzione vulcanica dell’Etna avvenuta questa notte

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, comunica che l’intensa attività stromboliana prodotta dal Cratere di Sud Est, descritta nel comunicato precedente, si è repentinamente evoluta in una debole fontana di lava raggiungendo la massima intensità verso le 20:30 GMT. Tale attività ha generato una nube vulcanica che si è dispersa verso Est-Sud-Est ed ha formato un deposito di cenere vulcanica sui fianchi orientali del vulcano. Durante l’attività esplosiva è stata infatti segnalata ricaduta di cenere vulcanica a Fleri. L’attività esplosiva è diminuita significativamente a partire dalle ore 21:00 GMT circa. Per quanto riguarda l’attività effusiva, le telecamere di videosorveglianza dell’INGV-OE mostrano, come comunicato precedentemente, due distinti flussi lavici: uno si dirige verso Est, all’interno della Valle del Bove, mentre l’altro verso Nord.
A partire dalle ore 21:00 UTC è stato registrato un rapido decremento del tremore vulcanico e del segnale infrasonico. Verso le ore 21:30 UTC entrambi i segnali hanno raggiunto i livelli che hanno preceduto l’attività eruttiva.
I dati di deformazione non mostrano variazioni significative.
Nella foto qui sotto, l’Etna durante l’episodio eruttivo visto dall’abitato di Tremestieri Etneo, sul versante meridionale del vulcano.
Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità