Fedez accusa la RAI: “Hanno provato a censurarmi” e pubblica la chiamata sui social


E’ accaduto tutto nella giornata di ieri, quando lo scontro tra il rapper Fedez e la RAI ha creato un vero e proprio scontro social che sta continuando in queste ore.

Il cantante ha denunciato di aver ricevuto delle censure nel corso del concerto del 1 maggio dalla Rai, con la smentita di quest’ultima, Fedez ha poi pubblicato un video nel quale mostrava la chiamata con i vertici della Rai stessa.

La Rai smentisce la censura. Ecco la telefonata intercorsa ieri sera dove la vice direttrice di Rai 3 Ilaria capitani insieme ai suoi collaboratori mi esortano ad “adeguarmi ad un SISTEMA” dicendo che sul palco non posso fare nomi e cognomi – sono state le parole di Fedez.

Viale Mazzini, tramite una nota, aveva smentito le accuse lanciate da Fedez: “E’ fortemente scorretto e privo di fondamento sostenere che la Rai abbia chiesto preventivamente i testi degli artisti intervenuti al tradizionale concertone del Primo Maggio, per il semplice motivo che è falso, si tratta di una cosa che non è mai avvenuta. Né la Rai né la direzione di Rai3 hanno mai operato forme di censura preventiva nei confronti di alcun artista del concerto: la Rai mette in onda un prodotto editoriale realizzato da una società di produzione in collaborazione con Cgil, Cisl e Uil, la quale si è occupata della realizzazione e dell’organizzazione del concerto, nonché dei rapporti con gli artisti. Il che include la raccolta dei testi, come da prassi”. Inoltre è stato anche aggiunto che Fedez stesso avrebbe tagliato la chiamata per renderla maggiormente credibile e a suo favore.

Immediata la replica di Fedez che ha così commentato: “Ho registrato io e l’hanno registrata anche loro pubblicando solo la parte in cui la vicedirettrice dice ‘non attuiamo censura’ ma poi presenzia ad una in telefonata in cui stanno attuando censura. Io le chiedo se posso dire cose inopportune per lei ma opportune per me che tra l’altro non prevedono torpilopio e la risposta è il silenzio e questo vale più di tutto”.

Total
1
Shares
Previous Article

Coltivava cannabis in casa per scopi terapeutici: il Tribunale lo assolve

Next Article

Niente miracolo di San Gennaro, il sangue non si scioglie

Related Posts