Procida è la prima isola “Covid free” di Italia: terminata la campagna vaccinale


Quasi 7mila le dosi di vaccino somministrate, la gioia del Sindaco Ambrosino

Con 6.900 dosi di vaccino somministrate si è conclusa la vaccinazione di massa a Procida, prima isola italiana ad aver completato l’immunizzazione della popolazione, con una copertura vaccinale che ha raggiunto il 92% della platea degli isolani vaccinabili. Ora gli sforzi della Asl Napoli 2 Nord si concentrano sull’isola d’Ischia dove da domani lavoreranno a pieno regime gli hub vaccinali di Ischia e Forio e dove si conta di arrivare ad inoculare 1.800 dosi di vaccino al giorno ai residenti dei sei comuni; sulla più grande delle isole del golfo di Napoli sono già state somministrate 18.000 dosi di cui 11.000 ai pazienti più  fragili, agli over 70 ed over 80 e dove domenica è stata organizzata, all’hub di Forio, una giornata vaccinale dedicata agli over 50 senza bisogno di prenotazione. L’azienda sanitaria conta di concludere la vaccinazione di massa per Ischia entro la fine di maggio, con un paio di settimane di ritardo dunque sulla tabella di marcia annunciata dal governatore De Luca che prevedeva tutte e tre le isole partenopee Covid free per la metà di maggio. Proprio la decisione di Vincenzo De Luca di dare priorità alle isole campane aveva provocato numerose polemiche: programmate per il primo weekend di aprile le vaccinazioni delle popolazioni isolane erano poi state bloccate dall’ordinanza del 9 aprile scorso firmata dal generale Figliuolo che ribadiva la scaletta della somministrazione dei vaccini con priorità ad anziani, fragili, cargiver e personale sanitario con nessuna eccezione per le località turistiche o disagiate come quelle insulari. La vicenda della priorità isolana aveva anche prodotto diverse critiche e la reazione dei sindaci isolani che lamentavano anche la scarsa dotazione sanitaria dei loro territori. L’impasse si è sbloccata con l’ordinanza firmata lo scorso 23 aprile dal governatore campano che ha ribadito la corsia preferenziale per i vaccini sulle isole che ha permesso a Procida di completare la campagna in meno di una settimana e che vedrà ora lo sprint di Ischia che punta alla immunizzazione anche per salvare la stagione turistica ancora ferma e recuperare terreno, insieme alle altre isole del golfo, nei confronti di Spagna e Grecia dove diverse realtà insulari sono già covid free.

Il Sindaco: «Che i colori di Procida possano portare speranza in quest’Italia così stanca di sacrifici e limitazioni»

Esulta Dino Ambrosino, sindaco di Procida, che ha annunciato la chiusura della campagna vaccinale sull’isola con oltre il 90% di cittadini residenti vaccinati. «Il gioco di squadra che ci ha consentito di vivere questa straordinaria settimana, mi impone di ringraziare innanzitutto il Presidente della Regione Vincenzo De Luca. Ha impresso un’accelerazione eccezionale alla richiesta che le isole minori avevano presentato al Commissario Figliuolo. La gestione politica spesso impone di prendere posizioni risolute, e lui ancora una volta ha dimostrato di portare fino in fondo gli impegni che assume. Con la mattinata di oggi – prosegue il Sindaco sui social – abbiamo superato le 6mila prime dosi, su una popolazione presente e in età da vaccino di 7.000 persone. Procida prima piccola isola a raggiungere questo risultato ma anche primo comune di discrete dimensioni. La nostra esperienza può servire all’Italia intera per verificare i percorsi del virus in un territorio limitato, ma soggetto comunque alle continue influenze esterne. Ringrazio Fabio Guardascione e la straordinaria squadra di professionisti USCA che si sono messi a disposizione del territorio insieme ai medici ed alle infermiere dell’isola. Grazie al Direttore D’Amore e alla dottoressa Rossetti con cui in poche ore abbiamo allestito il nostro economico hub vaccinale. Grazie ai vigili ed alla straordinaria Protezione Civile che ha risposto presente, anche con un così limitato preavviso. Che i colori di Procida possano portare speranza in quest’Italia così stanca di sacrifici e limitazioni».

Total
0
Shares
Previous Article

Festeggiamenti scudetto Inter, il Prefetto di Milano: "Chiudere Piazza Duomo ancora più rischioso"

Next Article

Reggina e Ascoli non si fanno male: al Granillo finisce 2-2

Related Posts