Scappa di casa per incontrare un ragazzo, ritrovata dalla polfer. Oltre 5mila le persone controllate nel weekend

Il bilancio dell’ultimo fine settimana in Campania è di tre arresti, 13 denunce e oltre 5mila persone controllate

Napoli. Una ragazza di 14 anni è stata rintracciata dalla Polfer nella stazione di Napoli Centrale il giorno dopo la sua scomparsa. La giovane è stata individuata dai poliziotti a bordo di un treno che aveva preso da Agropoli per incontrare un ragazzo conosciuto sui social. Ritrovata anche un’altra ragazza, di 24 anni, di Lecce, rintracciata in stato confusionale e riaffidata alla famiglia dopo un giorno dal suo allontanamento dalla propria abitazione. L’operazione rientra nell’ambito dei controlli che sono stati intensificati per il maggior flusso dei viaggiatori legato alla stagione estiva, sono stati svolti in collaborazione con personale del locale Presidio di Protezione Aziendale delle F.S. Italiane che, attraverso l’utilizzo di un sistema di videosorveglianza all’avanguardia, ha consentito di monitorare con estrema efficienza e sicurezza, i flussi dei passeggeri.

In particolare, a Napoli, venerdì scorso, è stata eseguita una misura cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Napoli Nord, nei confronti di un 42enne napoletano il quale, nel mese di ottobre, si era reso responsabile all’interno del parcheggio della stazione di Afragola, dei reati di furto e tentato furto di alcune auto parcheggiate. Le indagini svolte dalla Polizia Ferroviaria hanno permesso di individuare l’autore grazie alla visione delle immagini delle telecamere e alla lettura dei tabulati telefonici che hanno confermato la presenza dell’uomo nella stazione al momento del furto. Il 42enne è stato associato presso il carcere di Poggioreale.

Due algerini di 22 e 39 anni sono stati denunciati dovendo rispondere, in concorso tra loro, di furto aggravato all’interno di un esercizio commerciale sito nella stazione di Napoli Centrale. La vittima, mentre era seduta nel bar, è stata avvicinata e distratta da uno dei due stranieri, mentre il complice si è impossessato del borsello contenente un telefono cellulare, un tablet e la somma di 700.00 euro. Grazie alla visione delle immagini del sistema di videosorveglianza, i poliziotti hanno individuato e localizzato il giorno stesso i due stranieri che avevano ancora addosso il denaro e il telefono cellulare. La refurtiva è stata riconsegnata al proprietario.

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità