La Uefa punisce la Russia: la finale di Champions non si disputerà a San Pietroburgo

Una decisione presa all’unanimità quella del presidente della Uefa Ceferin che insieme ai massimi vertici ha scelto di punire la Russia, spostando la finale di Champions Legue inizialmente in programma a San Pietroburgo.

Il comunicato ufficiale:

l Comitato Esecutivo Uefa ha tenuto oggi una riunione straordinaria a seguito della grave escalation della situazione della sicurezza in Europa. Il Comitato ha deciso di trasferire la finale della Champions League 2021/22 da San Pietroburgo allo Stade de France di Saint-Denis. La partita si giocherà come inizialmente previsto sabato 28 maggio alle 21. Nella riunione odierna, il Comitato Esecutivo ha anche deciso che i club e le nazionali russe e ucraine che gareggiano nelle competizioni Uefa dovranno giocare le partite casalinghe in sedi neutrali fino a nuovo avviso