Un tuffo nella storia della Terra… i Geoparchi

Sotto questo marchio internazionale sostenuto dall'Unesco si nascondono paesaggi e rilievi straordinari.

Un Geoparco è quindi un territorio che possiede un patrimonio geologico riconosciuto per la sua rarità, la sua qualità scientifica, il suo valore estetico. Fondato nel 2000, l’obiettivo della Rete Europea dei Geoparchi (EGN) mira a preservare la “geodiversità” per promuovere il patrimonio geologico al grande pubblico e contribuire allo sviluppo turistico ed economico di un territorio intorno alle ricchezze della terra. Lungi dall’essere confinati alla pura geologia, alcuni luoghi etichettati come Geoparchi si sono distinti anche per il loro interesse archeologico, ecologico, storico o culturale.

Attualmente, ci sono 65 Geoparchi in Europa, distribuiti in 22 paesi.

La Sardegna, ad esempio, ha un passato minerario molto importante. Principale attività economica dell’isola per lungo tempo, queste ricchezze sotterranee hanno permesso la creazione di un Geoparco che si estende per un totale di 3500 km quadrati (appartenenti a 81 comuni differenti). Questo parco racconta una storia geologica di oltre 500 milioni di anni e mostra i segni di una straordinaria varietà di eventi che si sono sviluppati tra il Primario e il Quaternario.

Comprende sequenze di rocce sedimentarie , metamorfiche e ignee , nonché una sorprendente varietà di rocce giacimenti di minerali (ferro, piombo, argento, ecc.). L’attività mineraria dell’isola ha origini lontane nel tempo poiché era già praticata in particolare dai Romani, dagli Spagnoli, dai Fenici. Diversi luoghi della Sardegna (Iglesiente, Sulcis, Argentiera) permettono di scoprire testimonianze dell’attività mineraria e di sondare migliaia di chilometri di gallerie sotterranee.

Nel cuore dei Pirenei spagnoli, nella provincia di Huesca in Aragona, si estende il Geoparco di Sobrarbe. Paesaggi tranquilli e rilassanti. Da solo racconta la storia dei Pirenei. La presenza e poi il ritiro del mare, la collisione dei continenti, l’emergere della catena montuosa, la sua erosione durante le ere glaciali.

Le sue rocce, vecchie di oltre 500 milioni di anni, e le sue profonde vallate testimoniano i potenti processi geologici che hanno contribuito a dare ai Pirenei il volto che conosciamo oggi.
Dotato di percorsi (pedonale, mountain bike e stradale), questo Geoparco è uno dei più educativi d’Europa. Il suo centro di interpretazione mostra Sobrarbe prima della formazione dei Pirenei.
È possibile percorrere una rete di sentieri e scoprire un’ampia varietà di siti geologici, naturali, storici e architettonici.

Le Marble Arch Caves, vicino al villaggio di Florencecourt nella contea di Fermanagh, nell’Irlanda del Nord, aprono le porte di un meraviglioso mondo sotterraneo. Queste grotte sono quindi attraversate da tre torrenti che scorrono sotto le pendici del monte Cuilcagh e che, una volta fuori terra, formano un unico fiume. In questa posizione esatta si trova Marble Arch, un arco di granito naturale alto 9 metri. La barca è una scelta naturale per iniziare ad esplorare questo mondo sotterraneo, tra stalattiti e stalagmiti, prima di proseguire a piedi.

Oltre a queste ricchezze sotterranee, il luogo è stato anche etichettato come Geoparco per il suo ambiente esterno – resti archeologici, alcuni dei quali risalgono al periodo neolitico – e per la sua magnifica foresta di Burren. La geologia fa da sfondo alla maggior parte dei siti emblematici del Parco Naturale Regionale dei Monts d’Ardèche in Francia

Il vulcanismo è molto presente, ma altri aspetti della geologia si insinuano nel patrimonio. Tracce di dinosauri, paesaggi granitici o sedimentari, resti minerari e attività termali sono alcune delle tante sfaccettature del patrimonio geologico del Parco.

Il Parco Naturale Regionale dei Monts d’Ardèche nasconde tesori per il geologo dilettante e più semplicemente per i curiosi per natura. Nel territorio del Parco non manca nulla per un approccio completo alla geologia, tutte le epoche sono lì rappresentate da più di 550 milioni di anni!

Scoprendoli, tutta la storia della terra prende forma davanti a te… e l’uomo non è mai lontano! In effetti, ovunque nei Monts d’Ardèche, l’uomo ha attinto dalla terra per modellare il rilievo, partecipando così alla grande creazione dei nostri paesaggi iniziata centinaia di milioni di anni prima del suo arrivo! Vulcani, cascate, grotte, colate basaltiche o caos granitico, ognuno dei Geositi ti riporta in un contesto vertiginoso e totalmente attuale.

a cura di Liliana Carla Bettini di
Time Travel Dream