Lanzarote, l’isola dell’eterna primavera

L'isola spagnola con paesaggi mozzafiato

Lanzarote è un’isola di contrasti ed è spesso descritta dai nostri visitatori come davvero stimolante. La primavera è eterna qui con una temperatura media annuale di 21º C. Lanzarote rappresenta la geologia nella sua forma più pura, con paesaggi subacquei e lunari mozzafiato; acque trasparenti, spiagge di finissima sabbia bianca, dorata e nera; terre aride e oasi di palme.

Senza dimenticare arte e natura, due concetti che a Lanzarote si fondono perfettamente sotto una filosofia e un modello di intervento basato sullo sviluppo sostenibile. Questo indiscutibile valore ambientale dell’isola le è valso la distinzione di Riserva della Biosfera dall’UNESCO nel 1993.

L’isola è anche il luogo scelto da dilettanti e professionisti per praticare diversi sport durante tutto l’anno.

Nelle Isole Canarie, Lanzarote ha un prestigio speciale, derivante dalla fertile immaginazione e dall’approccio visionario di un uomo, Cesa Manrique. Segui le orme di questo artista visionario che ha scatenato un movimento sorprendente sull’isola! Cosa vedere a Lanzarote grazie a questo artista eccezionale?

Lascia che ti racconti l’incredibile viaggio di questo artista, nato su una piccola isola spagnola, che ha imposto la sua visione ecologica molto prima dell’era del turismo sostenibile. A Lanzarote , la tua scoperta di quest’isola spagnola sarà scandita dai capolavori di Cesar Manrique.

Nato ad Arrecife, capitale di Lanzarote nel 1919, Cesar Manrique , artista spagnolo, ha lasciato un segno profondo nella storia della sua isola mettendo i suoi numerosi talenti e il suo approccio ecologico al servizio di questa isola vulcanica delle Isole Canarie .

Dopo aver completato gli studi all’Accademia di Belle Arti di Madrid, ha esposto i suoi dipinti in Spagna ma anche all’estero. All’inizio degli anni ’50 si lancia nell’arte non figurativa dopo alcuni mesi trascorsi a Parigi. Spinge la sua ricerca creativa al punto di abbandonare ogni riferimento alla realtà , facendo della materia la figura essenziale delle sue composizioni . Un soggiorno a New York lo porta in contatto con artisti d’avanguardia dell’epoca come Pollock e Warhol. Il collage di materiali eterogenei (stoffa, cartone e persino stracci!) completa le sue opere pittoriche. Nel 1966 ha scelto di tornare a Lanzarote e ha intrapreso la conservazione della sua isola: ha attivamente condotto una campagna contro lo sviluppo turistico di massa e ha sostenuto lo sviluppo sostenibile volto a preservare il patrimonio naturale e culturale dell’isola. È in questo stesso periodo che intraprende l’Arte Naturale, realizzando dipinti, sculture, murales e architetture in armonia con lo spazio in cui si sviluppa ogni opera. Visitare il Giardino dei Cactus a Lanzarote significa scoprire centinaia di piante grasse… ma anche seguire le orme di Cesar Manrique che l’ha immaginato.

Cosa fare a Lanzarote? Quale visita insolita dovresti includere nel tuo programma di scoperta alle Isole Canarie? Scommetti sulla visita del Jardin de Cactus!

Il Giardino dei Cactus è un importante sito turistico di Lanzarote, nelle Isole Canarie,  e per una buona ragione, riunisce un numero incredibile di esemplari di piante grasse e cactus, secondo un arrangiamento messo a punto dall’artista Cesar Manrique.

Mentre navighi a Lanzarote e ai suoi paesaggi aridi , ti imbatterai nell’insolito Giardino dei Cactus, immaginato e creato da Cesar Manrique . È anche l’ultima opera pubblica dell’artista locale, fervente difensore del suo ambiente naturale e sostenitore della sublimazione della natura attraverso le sue creazioni.

Ha progettato questo giardino come un anfiteatro che ospita un’impressionante collezione di cactus e piante grasse sui diversi livelli creati da rocce vulcaniche.

Quanto ad ogni costruzione, non scelse il luogo a caso: qui, volle ricordare quanto la coltivazione della cocciniglia sui cactus fosse stata un’importante fonte di ricchezza per l’isola.

Che aspetto ha una visita al Giardino dei Cactus a Lanzarote? Un cactus gigante creato da Manrique ti mostra l’ingresso del giardino. Varcato il cancello, si entra in un anfiteatro formato da rocce vulcaniche e piccoli sentieri . Può essere interpretato come una metafora della forma di un vulcano, così tipica dell’isola.

Soprannominato “Mountains of Fire”, il Parco Nazionale di Timanfaya è un’escursione da non perdere sull’isola di Lanzarote, nelle Isole Canarie. Seguiteci nella nostra scoperta di questo luogo straordinario.

Lanzarote è un’isola vulcanica delle Isole Canarie in Spagna.

Tre quarti della sua terra sono ricoperti di lava! Nel sud-ovest dell’isola, il Parco Nazionale di Timanfaya offre un paesaggio pittoresco di grande bellezza.

Lanzarote è una collezione di vulcani. Nel 18esimo secolo , gli abitanti subirono una grande irruzione a partire dal 1730 . Immagina che quasi 100 vulcani si sveglino contemporaneamente… e smettano di rimbombare e di sputare lava e fumo solo dopo 6 anni! Che cataclisma! È con riferimento a quest’ultimo imponente episodio vulcanico che il parco ha ereditato il nome di “Montañas del Fuego”.

È un diavolo cornuto immaginato da César Manrique che ti accoglie all’ingresso del parco. Dopo il cancello dove si paga il biglietto d’ingresso, probabilmente ti schiererai dietro le decine di altre auto turistiche… il sito merita sicuramente una visita e una volta lasciata l’auto nel parcheggio, non avrai più la sensazione di essere dentro in mezzo a una folla!

Andare al Parco Nazionale di Timanfaya è un po’ come fare un viaggio sulla Luna (ma più accessibile!). È un sito geologico eccezionale dove campi di lava solidificata, coni e fessure si estendono a perdita d’occhio. Scoprirai crateri di diverse centinaia di metri di diametro, ripide pareti vulcaniche, coni di degasaggio, ecc.

Vista la fragilità del suolo, il parco ha scelto di offrire una scoperta del sito in pullman , e non con il proprio mezzo per limitare l’impatto sulla natura . Il parco ha più di 2 milioni di visitatori all’anno! Assisterete a uno spettacolo naturale incredibile nel punto chiamato ” Islote de Hilario “. Per mostrarvi che le temperature sono di qualche centinaio di gradi nel parco (e quindi il vulcano potenzialmente attivo), un impiegato del parco lancia con noncuranza un ciuffo di cespuglio secco in un buco nel terreno… tutto prende fuoco all’istante! In un’altra cavità, poi, mette dell’acqua… che sgorga subito come un geyser. Bluffando! Attenzione però alla direzione del vento per non essere schizzati.

a cura di Liliana Carla Bettini di
Time Travel Dream