Acquistare casa al mare: i consigli per fare un vero affare

Il mercato immobiliare continua a essere caratterizzato da una forte dinamicità. Settore che si è ripreso benissimo dopo il cigno nero del Covid, vede sempre più persone, anche sulla scia della possibilità di lavorare ovunque grazie allo smart working, valutare l’acquisto della casa al mare. Sono diverse le località a cui fare riferimento. Chi vive nelle grandi città del Nord prende, di riflesso, spesso in considerazione la Liguria. La buona notizia in merito alla terra d’origine di delizie come il pesto e la focaccia riguarda il fatto che le quotazioni al metro quadro, pur mantenendosi molto alte in località di spicco come Santa Margherita, sono in costante calo. Se si decide di orientare l’attenzione verso zone non mainstream – per esempio la provincia di Imperia – si possono fare degli ottimi affari.

Sull’onda del desiderio di passare del tempo in un contesto dai ritmi non troppo frenetici – e magari lanciarsi in qualche professione legata alla terra, lavori che stanno vivendo una vero e proprio rinascimento – sempre più persone guardano alla Toscana. Anche in questo caso, il consiglio è quello di evitare località molto turistiche come Follonica e l’Argentario. Nell’entroterra si possono però trovare eccellenti occasioni a quotazioni inferiori a 3.000 euro al metro quadro con case non troppo distanti dal mare.

Le soluzioni non mancano! Quello che conta, a prescindere dalla località, è evitare il fai da te e rivolgersi a esperti in grado di fornire stime realistiche in merito al valore immobili. Solo così si può avere la certezza di fare un vero affare e di dare corpo a un investimento in grado di fruttare nel tempo.

Ovviamente le Regioni che abbiamo elencato non sono le uniche da prendere in considerazione per l’obiettivo sopra citato. Come non citare per esempio la Puglia con il Salento? Questa terra, da qualche anno ormai, è al centro di una fortuna turistica mai vista prima. Sulla scia della ricerca di bellezze naturali, tranquillità e tradizioni, tantissime persone la scelgono per le proprie vacanze e come buen retiro.

Se si ha intenzione di comprare casa, è bene essere consapevoli del fatto che tra le località più care compaiono perle come Otranto e Castro. Quotazioni più abbordabili si possono invece trovare nei Comuni della zona del Gargano, come per esempio Rodi e Peschici.

Concludiamo con un cenno alla Riviera Romagnola. Tra le capitali del divertimento in Italia, è caratterizzata dalla presenza di località a dir poco famose come Rimini, Riccione e Milano Marittima. Quando le si chiama in causa, è necessario ricordare che le loro quotazioni immobiliari sono in crescita da anni. Se si punta a tenere sotto controllo le spese di acquisto, un buon consiglio è quello di focalizzarsi verso località come i Lidi Ravennati e Comacchio, zone dove è possibile trovare prezzi al metro quadro anche sotto ai 2.000 euro. Tra gli altri vantaggi rientra la possibilità di apprezzare un’atmosfera lontana dal turismo di massa e contraddistinta da una piacevole genuinità.