Scopri le porte decorate del quartiere di Santa Maria a Funchal in Portogallo

Un labirinto di stradine con pavimentazione in ciottoli. Qui troverete le facciate di vecchie case restaurate, vari ristoranti, case di fado e vivaci bar.

Vuoi visitare Madeira in modo originale? Vai alla ricerca delle porte decorate del quartiere Santa Maria a Funchal. Mentre camminavo a Funchal, non avevo pianificato questo percorso porta a porta! La sorpresa di scoprire tanta creatività e voglia di dare una seconda vita alle porte o alle pareti più semplici. La Zona Velha (centro storico di Funchal) è una zona pittoresca. La via principale è conosciuta come Rua de Santa Maria , una stretta via lastricata di ciottoli composta da piccoli ristoranti specializzati in cucina regionale. Mentre percorri la stretta Calle Santa María, ciò che attirerà la tua attenzione sono le porte artistiche di ciascuno degli edifici, soprattutto al mattino, quando la maggior parte dei ristoranti è chiusa.

Dal 2011, le porte di Funchal hanno assunto colori per la gioia della gente del posto e dei viaggiatori di passaggio. Le porte delle case, le botteghe abbandonate, le zone degradate vivono così una nuova vita e rallegrano con gioia i vicoli intorno a Santa Maria. Questo progetto è noto come “ Arte portas abertas – L’ARTE DELLE PORTE APERTE ”.

La prima porta ad essere dipinta si trova in Rua de Santa Maria 77 e porta la firma di Mark Milewski (aprile 2011). Ci sono circa 200 porte su Rua de Santa Maria, con la partecipazione di importanti personaggi della scena artistica madeira, come l’architetto Paulo David e il decoratore Nini Andrade Silva. Altri artisti si sono uniti all’idea e all’area: Rua de Santa Maria e le arterie adiacenti, come Rua dos Barreiros, Rua das Torres, Rua João Caetano, Rua Portão São Tiago, Rua do Socorro, Rua do Corpo Santo, Travessa do Pimenta, Rua D. Carlos I e Rua de Aspirante Mota Freitas – è stata trasformata in una galleria a cielo aperto, a titolo gratuito, con il sostegno del comune di Funchal, che fornisce le pitture per gli interventi .

Artisti o dilettanti riconosciuti , tutti possono impossessarsi di una porta o di un angolo del muro (con l’autorizzazione del suo proprietario ovviamente!). Alcune creazioni sono geniali, altre più goffe… ma ogni sfida, domanda, ti fa venire voglia di prenderti una pausa per contemplarla. Teste parlanti di inizio secolo nell’ingresso di O Ginjinhas , una taverna, fantasie di sirene e divinità marine, volti di animali, piccoli spazi di ceramica, una figura femminile bianca su sfondo rosso, una ragazza sorpresa con la cassetta delle lettere. Tavole da surf accatastate in una vuota spiaggia sabbiosa con palme, sagome colorate che cercano di essere appese a un paio di anelli. Ritratti eclettici di ricordi di scuola, un volto coperto alla maniera tuareg, poesie dedicate all’isola, ritratti sui portoni di Tenda Velha , un’altra taverna. Una breve frase che afferma che ninguém pode sonhar por ti . Nessuno può sognare al tuo posto. Un nuovo mondo di colore che ha occupato uno spazio che minacciava di diventare monocromatico.

Il massimo ? Intrattenere una conversazione con il venditore, l’artigiano o il proprietario dei locali per scoprire la storia di questa creazione artistica. E se non hai il coraggio, puoi sempre scansionare i codici QR a volte disponibili accanto alle porte per saperne di più sull’artista e sul suo lavoro. Durante la nostra passeggiata, queste singolari porte sono state oggetto di scambi con i bambini. Parlare di arte, dei nostri gusti alla scoperta di una città, che piacere! Si tratta quindi di una scommessa vincente per questo straordinario progetto artistico. Vale anche la pena visitare il Mercado de los Labradores, puro testimone dell’architettura chiamata Estado Novo. Ammira anche il trambusto, la molteplicità dei colori e degli odori di fiori, frutta, verdura e spezie. Nella piazza del pesce troverai il pesce tipico di Madeira, come il pesce sciabola, il tonno e altri.

a cura di Liliana Carla Bettini di
Time Travel Dream