Il Var elimina l’Italia dal Mondiale: gli azzurri beffati nei secondi finali dalle decisioni arbitrali

Finisce l’avventura degli azzurrini al Mondiale Under 20. I ragazzi di mister Nicolato hanno perso la semifinale contro l’Ucraina per 1-0, tra le polemiche per un arbitraggio troppo rigido e severo per una semifinale mondiale. Pinamonti e compagni hanno dato il tutto per tutto, giocando un primo tempo non al meglio delle proprie capacità ma rifacendosi nella seconda frazione di gioco.

A sbloccare la partita ci pensa Buletsa su cross basso di Konopliia, la difesa azzurra non  riesce a contrastare il tiro del numero 10 ucraino. L’Italia non demorde e attacca costantemente la metà campo avversaria, rimanendo anche in superiorità numerica per l’espulsione di Popov. Il secondo giallo, per una leggera gomitata su un calciatore azzurro, appare immediatamente troppo severo. Nicolato a 10′ dalla fine manda in campo anche Capone, rendendo il modulo di gioco piu’ offensivo che mai. Nei secondi finali, Scamacca realizza la rete del pareggio, girandosi in area di rigore ed insaccando il pallone alle spalle del portiere. L’arbitro consulta il Var e decide di annullare la rete: anche in questa occasione la gomitata ai danni del difensore ucraino si rivela estremamente leggera per essere considerato fallo. La partita si conclude con la vittoria dell’Ucraina ed il conseguente passaggio alla fase finale. Sconfitta immeritata per gli azzurrini che hanno dimostrato di avere grinta e talento da vendere, beffati da un arbitraggio forse inadeguato per una semifinale mondiale. Sul finale, la scena piu’ bella rimane quella di mister Nicolato, in cerchio come sempre con i propri uomini. Un rituale che chiude un cammino mondiale da applausi e che prospetta per il futuro una grande nazionale con un gran bel gioco e grandissimi calciatori.

 

CLICCA QUI E METTI MI PIACE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK